default-logo

Messina. Domani al cinema Lux ‘La valigia dei sogni’ di Comencini


Messina. Domani, giovedì 29, alle 20.30, il fascino senza tempo del cinema muto con la “La valigia dei sogni”, terzo momento dell’omonima rassegna che, dopo il successo di pubblico delle prime due proiezioni, “Ladri di Biciclette” e “Lo Sceicco Bianco”, torna al Cinema Lux, con il film di Luigi Comencini del 1953, in pellicola 35 mm, per il terzo appuntamento de “La valigia dei sogni – 4 serate in bianco e nero con il grande cinema d´autore”. Prodotto per finanziare l’attività della Cineteca Italiana di Milano, di cui Comencini è stato uno dei fondatori.
Il film è un commosso omaggio al cinema delle origini, del quale vengono mostrati numerosi e rari spezzoni, con immagini di Francesca Bertini, Eleonora Duse, Lyda Borelli, Pina Menichelli, Elena Makowska, Febo Mari, Amleto Novelli, Ermete Zacconi, Maciste. Divi nostrani di un’arte che non aveva ancora sessant’anni, e che già a malapena riusciva a stare tutta dentro una valigia: quella del cavalier Ettore Omeri, collezionista e divulgatore di pellicole dell’epoca del muto.
Prosegue dunque l’iniziativa organizzata e promossa dal Cineforum Orione e dal Cinema Lux di Messina e realizzata con la collaborazione della Fondazione Centro Sperimentale -Cineteca Nazionale, della Federazione Italiana Circoli del Cinema e dell’Associazione Culturale Arknoah, e con il patrocinio del Comune di Messina, Assessorato alle Politiche Culturali, e dell’Università degli Studi di Messina. La rassegna si concluderà giovedì 6 maggio con “RoGoPaG (1963), di Roberto Rossellini, Jean-Luc Godard, Pier Paolo Pasolini, Ugo Gregoretti.
Anche queste proiezioni saranno precedute al Cinema Lux da un’introduzione storico-critica sul film e corredate da scheda di consultazione. Si accederà tramite abbonamento o singolo biglietto. Per gli studenti universitari, la partecipazione all’intera manifestazione darà diritto a 2 cfu; per maggiori informazioni: cineforumorione@email.it.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo