mercoledì 26 luglio 2017 22:45
default-logo

Estradato in Italia Raffaele Valente, per l’accusa uomo di collegamento tra clan Gambino e ‘ndrangheta calabrese

Roma. Scortato da personale del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale, è giunto stamane a Roma, proveniente dagli Stati Uniti d’America, Raffaele Valente, detto Lello, 45enne beneventano, arrestato a New York nel corso dell’operazione New Bridge (coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria) e successivamente destinatario di un provvedimento restrittivo anche nell’operazione Underboss (condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Potenza).
Valente, destinatario di mandato d’arresto internazionale per traffico di droga e partecipazione ad una organizzazione di stampo mafioso, è accusato di essere il collante tra il clan newyorkese Gambino e le organizzazioni mafiose campane e calabresi e di fungere da intermediario tra i fornitori della droga e i destinatari, seguendo i trasferimenti degli stupefacenti lungo le rotte dal Sud America all’Italia. Successivamente, è emerso il suo presunto coinvolgimento anche nelle proiezioni criminali delle stesse organizzazioni mafiose in Lucania, con diretta partecipazione ad una vicenda estorsiva nei confronti di un imprenditore materano.
Le operazioni New Bridge ed Underboss, che hanno portato alla luce l’asse New York–Calabria, il cui sistema di traffico di droga aveva come punto d’arrivo il porto di Gioia Tauro, rappresentano l’esempio di come le investigazioni a livello locale, condotte, in due
diverse inchieste, dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e di Matera nonché dal Servizio Centrale Operativo, siano state il fulcro delle attività internazionali sinergicamente coordinate dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, unitamente all’Fbi. Giunto a Fiumicino ed espletate le formalità dell’arresto sul territorio nazionale presso l’Ufficio di Polizia di Frontiera Aerea, Valente è stato associato presso la competente casa circondariale.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo