domenica 25 giugno 2017 17:37
default-logo

Sangue, lacrime e pentimento: il romanzo d’esordio di Mariangela Castagna

Abbazia di San Norberto, 1314, la pioggia batte forte sul tranquillo monastero di Favelloni, nel vibonese. Ma non sarà questo temporale a turbare la serena e routinaria quotidianità dell’Abbazia, bensì il ritrovamento di un giovane ferito, che nasconde un terribile segreto e che condurrà il lettore in una storia costellata da sangue,  suspence e colpi di scena.
Sangue, lacrime e pentimento: storia di un assassino, edito da Lettere Animate, è il primo romanzo di Mariangela Castagna, giovane e promettente autrice calabrese. Romanzo gotico? Thriller storico? Categorizzarlo sarebbe difficile e si rischierebbe di imbrigliarlo in definizioni troppo restrittive per un’opera che si muove con grande fluidità tra lo storico e il surreale, attraversando secoli macchiati  di sangue e di mistero.
L’apprezzamento nei confronti della scrittrice calabrese non è rimasto confinato nella nostra regione, infatti è stata recentemente finalista della VI edizione del Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. (sezione Romanzo) con la sua seconda opera, l’inedito La rosa e la croce (in attesa di pubblicazione). Il Premio, con sede a Viareggio (in Toscana), in questa edizione ha registrato diverse centinaia di partecipanti da tutta Europa ed è un importante punto di riferimento per la narrativa e la poesia fantasy. Mariangela, in classifica, è risultata quarta.
Un’autrice da conoscere, immergendosi nelle misteriose atmosfere medioevali evocate nelle ottanta pagine di Sangue, lacrime e pentimento, da leggere tutto d’un fiato, in attesa della pubblicazione della seconda opera.

Raffaele Putortì

Il romanzo è disponibile su diversi cataloghi online:

Commenta l'articolo