mercoledì 25 aprile 2018 20:16
default-logo

Vibo. Reperti archeologici sequestrati dai carabinieri, una miniera di fossili marini

Vibo Valentia. Nuovo sequestro di reperti archeologici da parte degli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia. I militari della Stazione di Briatico infatti, nel corso di una perquisizione domiciliare nell’abitazione di un operaio della zona ben noto alle forze dell’ordine, hanno rinvenuto una vera e propria miniera di fossili marini di ogni specie e dimensione. Una scoperta quella dei militari dell’Arma che giunge a poche settimane dal ritrovamento, all’interno dell’abitazione di un professore del capoluogo, di numerosi reperti archeologici di origine ellenica. I militari della Benemerita hanno scoperto il bottino aprendo alcuni cassetti della camera da letto dell’uomo. Appena si sono accorti di cosa contenevano i Carabinieri non hanno creduto ai propri occhi.
Decine e decine di conchiglie, stelle marine ed organismi fossilizzati erano ammassati gli uni sugli altri. Una vera e propria collezione privata e segreta che l’illegale possessore ha tentato di giustificare ai Carabinieri dicendo che erano dei regali ricevuti nel corso del tempo. Una versione che non ha convinto i militari che dopo aver raccolto con cura i fossili, alcuni di altissimo valore paleontologico e risalenti ad alcuni milioni di anni fa, come dichiarato dagli stessi esperti della sopraintendenza ai beni culturali, hanno provveduto alla denuncia dell’uomo ritenuto responsabile di ricettazione. Ora i reparti, che al termine degli accertamenti verranno affidati alla stessa sopraintendenza che ne curerà lo studio e la conservazione, sono stati tutti posti in sequestro mentre le indagini sono volte ad accertare la presenza di un mercato illegale di fossili e reperti archeologici, abbondanti in tutta la provincia, a cui probabilmente erano destinati i numerosi oggetti rinvenuti. Continua quindi a tappeto l’azione di tutela del patrimonio culturale degli uomini dell’Arma in tutto il territorio vibonese. Azione volta a tutelare il vasto patrimonio della provincia, troppo spesso minacciato e depredato da persone senza scrupoli e mosse unicamente dall’interesse economico.

About the Author

Articoli recenti o correlati