venerdì 20 aprile 2018 07:10
default-logo

Unioncamere. Il plauso di Caridi per le scelte di Reggio e Cosenza

Reggio Calabria. Una decisione che incide in modo concreto sull’attività delle Camere di Commercio di Reggio Calabria e Cosenza e sui riflessi positivi a favore delle aziende delle due province. Questo il commento dell’Assessore Regionale alle Attività Produttive on. Antonio Caridi in merito alla notizia che le due Camere di Commercio sono rientrate nell’Unioncamere regionale. Secondo l’Assessore la decisione, maturata dai due Presidenti unitamente ai colleghi di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia, potrà dare riscontri immediati in termini di organizzazione e di gestione delle iniziative, di marketing e di risparmi sui costi che le aziende dovranno affrontare. La ritrovata compattezza delle Camere di Commercio testimonia anche il grande senso di responsabilità e di sensibilità istituzionale dei Presidenti Lucio Dattola e Giuseppe Gaglioti, i quali hanno dimostrato di saper superare difficoltà ed incomprensioni per assumere decisioni che vanno in direzione di un interesse generale. Per l’Assessore Caridi l’unità delle cinque Camere calabresi non potrà che apportare vantaggi per l’industria, l’artigianato ed il commercio nell’intero territorio regionale, con immaginabili ripercussioni positive sulla crescita e lo sviluppo dell’economia di tutta la Calabria. Di questo l’Assessore rende merito all’azione dei Presidenti, personalità di grande prestigio ed autorevolezza oltre che di valenti qualità umane e professionali. In conclusione l’on. Caridi auspica che la rinnovata unità delle Camere di Commercio favorisca, come certamente sarà, ancor più proficui rapporti con l’Assessorato alle Attività Produttive, che pone tra le sue priorità il rilancio e la crescita delle attività industriali, commerciali, artigianali ed agricole delle aziende calabresi, in un’ottica di sviluppo economico complessivo, quanto mai urgente e necessario in questo momento di grave crisi globale.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo