venerdì 20 aprile 2018 12:44
default-logo

Villa San Giovanni. Controlli dei Carabinieri nei lidi: scattano le denunce al “Bandafalò”

Villa San Giovanni (Reggio Calabria). E’ stato uno scenario deprimente quello che si è presentato alle forze dell’ordine impegnate nei controlli degli stabilimenti balneari della costa della cittadina dello Stretto, lidi che in orario notturno diventano punto di ritrovo per i giovani locali. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia cittadina durante un normale controllo presso il Lido denominato “Bandafalò” hanno potuto constatare l’evidente stato di alterazione fisica e mentale in cui versavano alcuni giovani avventori dello stabilimento, molti dei quali giovanissimi, in seguito verosimilmente all’assunzione di sostanze alcoliche e psicotrope. Bottiglie di superalcolici dappertutto ad inquinare anche paesaggisticamente uno dei tratti più belli del litorale nonché forte odore di cannabis nell’aria. Il cane Nebin del Gruppo della Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha rinvenuto infatti alcune dosi di marjuana che erano state abilmente occultate alla vista degli operatori di polizia. La sostanza è stata posta sotto sequestro e due giovani villesi segnalati alla Prefettura ai sensi dell’art.75 del Dpr 309/90.  È scattata inevitabilmente una denuncia penale contro ignoti. Gli uomini del NAS dei Carabinieri hanno accertato le irregolarità delle autorizzazioni presenti nella documentazione fornita dai gestori dello stabilimento, provvedendo a segnalare i fatti alle competenti autorità per la immediata chiusura del lido. Assenti le più basilari norme di sicurezza. Basti pensare che le centinaia di persone presenti al momento all’interno dell’area, per accedere alla stessa hanno dovuto percorrere un angusto e stretto corridoio senza avere alcuna altra via di fuga disponibile. Proseguono i controlli a tappeto dell’Arma al fine di garantire che il divertimento sul litorale villese si svolga in totale sicurezza, tutelando soprattutto i più giovani e la tranquillità delle loro famiglie sia all’interno che all’uscita dai luoghi della movida.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo