venerdì 20 aprile 2018 07:10
default-logo

Trasporti. Orsa: “Continua la politica di isolamento per la Calabria”

Reggio Calabria. Sono apparsi recentemente sulla stampa dichiarazioni da parte di alcuni politici regionali e nazionali che criticavano la soppressione effettuata da Trenitalia del treno Euro Star che collegava Lamezia T.C.le a Roma. Questo dà l’occasione al Segretario regionale Calabria, Francesco Piazza, senza risalire agli albori dell’annosa questione dei trasporti ferroviari calabresi, di  evidenziare che già dal mese di gennaio del corrente anno, il sindacato calabrese dei Trasporti aveva denunciato, all’unanimità, il triste scenario che si stava configurando per effetto della “parsimoniosa” politica aziendale di Trenitalia: alla carenza di materiale rotabile si è infatti aggiunta, dal mese di marzo 2010, la soppressione di 12 treni a lunga percorrenza da e per la Calabria.

Sono stati molteplici e diversi gli strumenti utilizzati per rendere partecipe ed edotta la cittadinanza Calabrese ed ovviamente la classe Politica e le Istituzioni Locali e Nazionali, della critica situazione che si stava delineando; purtroppo ad oggi le numerose Manifestazioni, Sit-In (Locri, Reggio Cal., Villa S.G., Catanzaro), articoli di giornale e conferenze stampa non sono riusciti neanche a scalfire la politica di “isolamento” calabrese alla quale inevitabilmente porterà l’azione aziendale di Trenitalia.

Tra le varie azioni sindacali non si può non ricordare l’intervento presso il Ministero dei Trasporti dove il Sindacato Calabrese dei Trasporti è stato ricevuto in audizione dal Sottosegretario ai Trasporti ed al quale ha esposto (con idonea documentazione) l’insostenibilità delle motivazioni alla base delle soppressioni attuate. Anche questo tentativo purtroppo è stato deludente e non certo per mancanze addebitabili alla parte Sindacale. Il Sindacato infatti è rimasto solo, senza il giusto e doveroso appoggio della classe Politica Calabrese la quale non ha ritenuto di intervenire presso l’unico soggetto in grado di invertire la tendenza ottenendo un ripristino dei treni soppressi.

Concludendo, ad oggi la situazione del trasporto in Calabria, come già osservato, è andata sempre più peggiorando, in quanto Trenitalia  continua nei suoi progetti ( sembra che per il mesi di dicembre p.v. venga attuata, diminuendo il numero delle vetture in composizione, la fusione di 2 treni a lunga percorrenza in un unico treno cioè -1938 Siracusa-Roma con 1924 Palermo-Roma e 1939 Roma-Siracusa con 1925 Roma -Palermo) di spoliazione di siti, mentre i Politici locali parlano di sviluppo della Calabria e quelli Nazionali parlano di Sviluppo del Mezzogiorno, ai primi il Segretario Regionale Calabria ORSA Francesco Piazza ricorda che senza un trasporto efficiente non ci può essere sviluppo, per quanto riguarda i Politici Nazionali non so di quale Mezzogiorno parlano, ma di sicuro si può affermare che l’unico aumento registrato in Calabria è stato, in senso ovviamente negativo quello della disoccupazione.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo