giovedì 19 aprile 2018 11:38
default-logo

Catania. Sequestrate armi e droga in Viale Grimaldi. Arrestati 5 uomini e due minori incensurati

Catania. I Carabinieri di Fontanarossa hanno tratto in arresto in flagranza di reato G.B., 27enne, A.C., 20enne, G.L., 22enne, L.V., 29enne, G.L., 31enne, tutti catanesi già noti alle forze dell’ordine, nonché due ragazzi di 16 anni, incensurati catanesi, tutti residenti in Viale Grimaldi 10, per detenzione ai fini di spaccio di marijuana, ricettazione e detenzione di armi clandestine.
Nel prosieguo dell’attività investigativa che il 22 ottobre scorso ha permesso ai militari di smantellare una centrale di spaccio di droga dotata di sofisticati mezzi tecnologici atti a controllare a distanza i movimenti delle forze dell’ordine, i Carabinieri hanno scoperto, in Viale Grimaldi 10 un altro caposaldo dello stoccaggio e dello smercio di stupefacenti, sequestrando una ulteriore quantità di marijuana individuando gli spacciatori che la gestivano. Nella medesima circostanza sono state rinvenute delle armi, detenute illegalmente e che, verosimilmente, erano utilizzate per proteggere il traffico illecito.
Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati complessivamente kg 1,200 di marijuana, di cui 200 grammi preconfezionati in 150 dosi pronte allo spaccio, nonché, occultate nel sottotetto del palazzo, una pistola Beretta “Mod. 98” cal. 9×21 con un 1 colpo in canna e una pistola Ruger “Mod. P95” cal. 9×21 con 7 colpi inseriti nel caricatore, entrambi con matricola abrasa, infine la somma contante di 200 euro , ritenuta parziale provento dell’attività illecita.
Le armi, che si presentavano funzionanti ed in ottimo stato conservazione, saranno oggetto di accertamenti balistici e dattiloscopici.
Gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza, ad eccezione dei minori che sono stati accompagnati ai centri di Prima Accoglienza di Catania via Franchetti e Caltanissetta.

 

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo