giovedì 26 aprile 2018 11:36
default-logo

Aggredisce una donna rapinandole la catenina in oro, catturato dalle Nibbio della Polizia

Reggio Calabria. Alle 14.40 circa di ieri, un agente della Polizia di Stato addetto alla tutela del Prefetto di Reggio Calabria, mentre transitava per via Miraglia, è stato attratto da alcune grida. Giratosi ha notato un giovane che teneva una donna bloccata a terra, la colpiva ripetutamente e infine le strappava di dosso la catenina d’oro che aveva al collo, fuggendo poi via. L’agente ha tentato di inseguire il malvivente, dando contemporaneamente l’allarme all’utenza di soccorso pubblico 113, ma non è riuscito a raggiungere il rapinatore che si è dileguato per le stradine limitrofe. Il Centro Operativo della Questura, in ossequio al piano di controllo del territorio affidato all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, diretto dal vice questore aggiunto Fabio Catalano, ha fatto immediatamente convergere in zona due pattuglie automontate e due motomontate, le “Nibbio”, della Squadra Volante. Infatti, proprio a causa di precedenti analoghi fatti delittuosi avvenuti in quella zona, il dispositivo di controllo del territorio in centro, su precisa indicazione del Questore di Reggio Calabria Carmelo Casabona, era stato rafforzato. Così, mentre un equipaggio soccorreva la malcapitata, che è stata così condotta in ospedale dove le sono state riscontrate diverse contusioni, con prognosi di 5 giorni, le altre pattuglie hanno perlustrato tutta la zona a ridosso della villa comunale alla ricerca del malvivente. Nello spazio di pochi minuti infatti le due motovolanti hanno individuato un giovane corrispondente alla descrizione, che si muoveva velocemente a piedi e che alla vista degli agenti ha tentato una fuga ma è stato subito raggiunto e bloccato e la refurtiva recuperata. Il giovane, 20enne incensurato, è stato condotto in Questura e tratto in arresto in flagranza per il reato di “rapina”. L’arrestato è stato poi trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura a disposizione dall’Autorità Giudiziaria per il rito direttissimo che si terrà nella mattinata odierna.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo