venerdì 20 aprile 2018 18:30
default-logo

La Regione supporta i Comuni calabresi nella corsa all’assegnazione delle Bandiere Blu

Catanzaro. L’assessore regionale all’Ambiente Francesco Pugliano ha inviato una lettera ai Sindaci di 34 Comuni calabresi per invitarli a candidarsi per l’assegnazione della “Bandiera Blu 2011”, iniziativa che scadrà il prossimo 7 febbraio. “La Regione Calabria – afferma Pugliano in una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale – intende supportare i Comuni che vogliono candidarsi per l’assegnazione della Bandiera Blu,  un riconoscimento internazionale istituito nel 1987 ed assegnato, ogni anno, in 41 Paesi nel mondo dall’organizzazione non-governativa e no-profit “Foundation for Environmental Education” (FEE). Possono candidarsi solo le località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio. “Bandiera Blu” è infatti un riconoscimento all’operato delle Amministrazioni comunali rivierasche, nella gestione delle tematiche ambientali, con particolare riferimento alla salvaguardia dell’ecosistema marino. Viene pertanto assegnata sulla base di un’approfondita analisi, che prende in esame non solo i parametri dettati dall’organizzazione FEE internazionale, ma anche criteri di gestione sostenibile del territorio”. “Bandiera Blu – prosegue ancora Pugliano – è dunque un riconoscimento per l’impegno dei Comuni nel perseguire un turismo sostenibile. Un ambiente integro è, infatti, un forte motivo di attrattiva per i turisti, che scelgono le destinazioni dei loro viaggi anche in funzione del contesto ambientale di un luogo”. Secondo l’assessore Pugliano “il turismo sostenibile è un tema particolarmente importante per la nostra regione che, grazie alla sua particolare conformazione, presenta una ricchezza e una diversità di ambienti davvero unici. Se ciò non bastasse, il turismo è una delle attività economiche che possiedono il maggiore potenziale per generare crescita e posti di lavoro. Tali prerogative fanno del turismo la forza motrice per la tutela e lo sviluppo delle località turistiche balneari”. Per l’edizione 2011, l’assessorato regionale all’Ambiente ha così ritenuto necessario adoperarsi per far sventolare nelle località balneari calabresi quante più Bandiere Blu possibili. “In Calabria ci sono già alcuni Comuni che hanno ottenuto questo importante riconoscimento – sottolinea Pugliano – ma si tratta ancora di un numero troppo esiguo. Per questo, ci stiamo impegnando a fornire assistenza tecnica ai Comuni per la compilazione del formulario e la raccolta di dati e documenti. Sul sito regionale saranno, a breve, rese disponibili tutte informazioni in merito”. L’assegnazione del riconoscimento non è semplice da ottenere. Si basa, infatti, sulla rispondenza a quattro aree tematiche, all’interno delle quali vengono individuati i relativi criteri di assegnazione. Qualità delle acque di balneazione, depurazione delle acque reflue, certificazione ambientale, gestione dei rifiuti, servizi turistici, sicurezza, servizi ed accessibilità nelle spiagge, educazione e comunicazione ambientali, iniziative di sostenibilità ambientale, sono i criteri sui quali viene basata la valutazione. L’Assessore Pugliano è tuttavia convinto che “la Calabria, con le sue straordinarie coste ed il suo mare, sia naturalmente ricca di località balneari candidabili e di Amministratori che, con grande senso di responsabilità ed impegno, si sono adoperati nel tempo per migliorare la qualità della vita nel territorio”.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo