giovedì 26 aprile 2018 11:40
default-logo

Catanzaro. 150unità: “Noi c’eravamo” venerdì conferenza con Giuseppe Monsagrati

Catanzaro. Venerdì 18 febbraio, alle ore 17.30 presso il Musmi, la Provincia di Catanzaro, in collaborazione con la Coop. AreaCultura, proseguirà il ciclo di conferenze “Raccontare l’Italia: chi, come e perché ha fatto l’Italia unita”. Gli incontri si inseriscono nel programma di 150unità, l’evento celebrativo finalizzato alla commemorazione del 150° anniversario dell’Unificazione nazionale. La seconda conferenza “Italia. Una ragazza di 150 anni”, sarà introdotta da Ilenia Matarese, Presidente della Coop. Area Cultura, moderata da Salvatore Bullotta, dottorando di ricerca dell’Università La Sapienza di Roma e interverrà, in qualità di relatore il Prof. Giuseppe Monsagrati, professore associato di Storia del Risorgimento presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “La Sapienza”.
Il Prof. Monsagrati su invito dell’Associazione italo-giapponese ha tenuto a Tokyo, nell’ambito delle iniziative per l’anno della cultura italiana in Giappone, due conferenze su temi relativi al Risorgimento e alla formazione dell’identità nazionale in Italia (2001). Ha collaborato e collabora con vari istituti di cultura stranieri a Roma, quali l’Accademia d’Ungheria, la Scuola spagnola di archeologia e storia, l’Accademia polacca, l’Istituto culturale romeno, l’École française. E’ membro del Comitato scientifico dell’Istituto della Domus mazziniana di Pisa, del Consiglio di Presidenza dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano che ha sede al Vittoriano di Roma. Inoltre, fa parte da vari anni della Commissione per l’Edizione nazionale degli Scritti di G. Mazzini, della quale è segretario, e della Commissione per l’Edizione nazionale degli Scritti di G. Garibaldi, per la quale ha curato la pubblicazione di tre volumi dell’Epistolario. E’ membro del Comitato scientifico delle riviste «Dimensioni e problemi della ricerca storica» e «Roma moderna e contemporanea».

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo