domenica 22 aprile 2018 08:20
default-logo

Gioia Tauro. Sequestrati 39 kg di cocaina per un valore di oltre 8 mln di euro

Gioia Tauro (Reggio Calabria). I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria – Sezione G.O.A. di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane – Ufficio Centrale Antifrode e S.V.A.D. di Gioia Tauro e i finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Gioia Tauro, hanno proceduto al sequestro di un carico di oltre 39 chilogrammi di cocaina purissima rinvenuti all’interno di un container in transito presso il porto calabrese e sbarcato dalla nave mercantile Msc Leigh. L’operazione, condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria in stretto e costante coordinamento con la Procura della Repubblica di Palmi, ha consentito, dopo una serie di incroci documentali e successivi meticolosi controlli eseguiti su numerosi container in transito presso il porto di Gioia Tauro, realizzati anche attraverso l’impiego di apparecchiature scanner in uso alla dogana, l’individuazione del carico occultato nel contenitore imbarcato presso il porto ecuadoregno di Guayaquil. La merce, destinata al mercato iberico, avrebbe fruttato, con la vendita al dettaglio, circa 8 milioni di euro. In merito, va, infatti, considerato come, il quantitativo di cocaina sequestrato, tagliato almeno 3 – 4 volte avrebbe raggiunto, alla minuta vendita, un prezzo medio di cinquanta euro al grammo. I sospetti sono sorti, in particolare, dalla comparazione tra la documentazione doganale e le caratteristiche fisiche del carico, costituito da sacchi di cacao, destinato ad una azienda di Barcellona non direttamente operante nel settore dei prodotti alimentari. Alla fine i funzionari della dogana di Gioia Tauro e i finanzieri hanno contato, all’interno di un borsone nero, 35 panetti di droga per un peso complessivo di 39,485 chilogrammi di cocaina di elevata qualità e purezza. Sono in corso le indagini tese a individuare i responsabili di questo traffico internazionale.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo