giovedì 19 aprile 2018 23:25
default-logo

Briatico. Quattro giovani arrestati dai Carabinieri per coltivazione di marijuana

Briatico (Vibo Valentia). Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia per coltivazione di marijuana. Il gruppo è costituito da Domenico Lo Briglio, giardiniere miletese di 35 anni, Antonio Cichello, commerciante zungrese di 25 anni, Vincenzo Runca, operaio di Briatico di 27 anni, e Riccardo Vallone, disoccupato di Zungri di 26 anni, quest’ultimo arrestato appena 5 giorni fa per la coltivazione di oltre 4000 piante di canapa indiana.
Secondo l’accusa, la banda aveva pensato di far crescere le 41 piante che si erano salvate dal maxi sequestro di domenica scorsa nascondendone i vasi all’intero di un casolare diroccato posto in aperta campagna e, per evitare che qualcuno si potesse insospettire, aveva anche deciso di annaffiarle in piena notte.
A rendere vani tutti i tentativi di depistaggio sono stati gli uomini del Norm e della Stazione di Briatico che con pazienza, per giorni hanno seguito tutti i movimenti del gruppo scandagliando ogni notte le campagne di Briatico.
Un lavoro meticoloso e paziente che ha portato gli investigatori fino al casolare diroccato dove i giovani, forse preparandosi a mettere a dimora le piante in qualche piazzola preparata in zona per favorirne la crescita e la completa maturazione prima della raccolta, stavano caricando i vasi pieni di canapa su delle autovetture.
Data la situazione i militari dell’Arma non hanno aspettato un attimo, facendo irruzione del casolare e traendo in arresto tutti prima che potessero allontanarsi.
Un’azione fulminea che ha portato i quattro ai domiciliari con l’accusa di coltivazione illecita di droga. Reato di cui ora dovranno rispondere davanti al Tribunale del capoluogo.
In una manciata di giorni gli uomini della Benemerita hanno letteralmente estirpato migliaia di piante di marijuana dalla zona a cavallo tra Briatico e Zungri, mandando in fumo decine di migliaia di euro di proventi illeciti.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo