giovedì 19 aprile 2018 23:30
default-logo

Operazione Inganno: tutti i dettagli, i nomi e le foto degli arrestati. Ai domiciliari Rosy Canale delle “Donne di San Luca”

San Luca (Reggio Calabria). Nel corso della nottata, nella Locride, in Roma e Cosenza, militari del Gruppo Carabinieri di Locri, con il supporto dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” di Vibo Valentia e dei Comandi dell’Arma territorialmente competenti, hanno proceduto all’esecuzione di 6 ordinanze di custodia cautelare (di cui 5 in carcere e 1 agli arresti domiciliari) emesse, il 4 dicembre 2013, dal gip presso il Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria nei confronti di altrettante persone (una delle quali già detenuta in regime di arresti domiciliari per altra causa) a vario titolo indagate per associazione per delinquere di stampo mafioso, intestazione fittizia di beni con l’aggravante di cui all’art.7 L.203/1991 avendo agito al fine di agevolare l’associazione mafiosa denominata ‘ndrangheta nella sua articolazione territoriale della “locale” di San Luca.
Nel corso delle indagini sono emerse anche responsabilità in ordine a condotte di truffa aggravata e peculato (non aggravate dalla condotta mafiosa) a carico di Rosy Canale, nota per il suo impegno antimafia come coordinatrice del “Movimento delle donne di San Luca” .

L’operazione giunge quindi all’esito di un’indagine (convenzionalmente denominata “Inganno”) avviata nel 2009 e supportata da attività tecniche, che hanno consentito nel tempo:

  • di accertare l’appartenenza all’associazione di tipo mafioso denominata ‘ndrangheta, segnatamente della “società” di San Luca, di ex amministratori pubblici del Comune, sciolto per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso con Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 17.05.2013; in particolare l’ex Sindaco del Comune di San Luca Sebastiano Giorgi e l’ex assessore all’ambiente Francesco Murdaca avrebbero favorito, con le proprie condotte amministrative, le cosche operanti sul territorio; analoga fattispecie viene contestata a Giuseppe Cosmo, agli arresti domiciliari per altra causa, titolare dell’omonima impresa edile aggiudicatrice di rilevanti appalti pubblici quali la realizzazione della rete di metanizzazione del Comune di San Luca e l’appalto relativo ai “Percorsi di cultura e fede nel centro storico”;
  • di documentare l’acquisizione del controllo e della gestione, da parte di Francesco  Strangio alias Ciccio “Boutique”, ritenuto appartenente alla medesima “locale” di ‘ndrangheta, dell’area mercato del Comune di San Luca, e specificamente della zona di Polsi, nonché l’ostacolo al libero esercizio del voto in occasione delle consultazioni regionali del 2010, convogliando un gran numero di preferenze in cambio di future utilità;
  • di contestare a Antonio Nirta alias “Terribile” l’intestazione fittizia della ditta “Edil Trasporti”, attribuita fittiziamente ai figli al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale;
  • di acclarare come parte dei finanziamenti elargiti dal Ministero della Gioventù, dalla Presidenza del Consiglio Regionale della Calabria, dall’Ufficio Territoriale del Governo di Reggio Calabria e dalla Fondazione “Enel Cuore”, da utilizzare per la gestione – da parte del “Movimento delle Donne di San Luca” – di un bene confiscato alla cosca Pelle alias “Gambazza” di San Luca destinato a ludoteca (inaugurata nel 2009 e poi mai entrata in funzione) siano state impiegate dalla fondatrice e presidente Rosa Canale alias “Rosy” (per lei il gip ha disposto gli arresti domiciliari), per finalità esclusivamente private, tra cui l’acquisto di un’autovettura, di mobili e di arredamento per la propria abitazione, con grave nocumento per lo Stato, anche di natura patrimoniale derivante dal mancato sfruttamento del bene confiscato.

Ancora una volta un’attività investigativa è stata in grado di documentare i particolari del legame esistente tra l’operatività delle “cosche” e la politica locale. In particolare Sebastiano Giorgi, sempre secondo l’accusa è stato eletto Sindaco di San Luca con il consenso e l’appoggio della “Locale”, asservendo l’attività amministrativa ai voleri della criminalità organizzata soprattutto in materia di appalti e lavori pubblici, orientando i lavori di maggiore rilievo alle ‘ndrine più importanti, suddividendo poi le somme urgenze con le rimanenti.
I comportamenti attivi ed omissivi dell’amministrazione di San Luca sono nel frattempo emersi nell’attività di verifica da parte degli organi preposti venendo definitivamente sciolta per infiltrazione e condizionamento in costanza d’indagine il 17 maggio ultimo scorso.

In relazione al presidente del “Movimento delle donne di San Luca”, Rosy Canale, è emerso come i finanziamenti erogati per la gestione di attività di sostegno sociale venissero distratti a vantaggio dell’interessata per l’acquisto di beni trattenuti nella sua disponibilità: in particolare due autovetture, mobili, vestiti e viaggi.

Le indagini continueranno in direzione degli ulteriori accertamenti che dovranno fare luce sulle diverse tematiche trattate dall’indagine.

Gli arrestati:

  1. Giuseppe Cosmo, di 36 anni (già ai domiciliari per altra causa);
  2. Sebastiano Giorgi di 48 anni;
  3. Francesco Murdaca, di 56 anni;
  4. Antonio Nirta, di 57 anni;
  5. Francesco Strangio, di 59 anni
  6. Rosy Canale, di 41 anni (ai domiciliari)

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo