domenica 22 aprile 2018 20:24
default-logo

Il secondo giorno della Settimana dell’Educazione

Reggio Calabria. La famiglia comunità educante è stata il fulcro della riflessione della seconda giornata della settimana diocesana dell’educazione. Al mattino S.E. Mons. Morosini ha visitato l’ITIS “Panella-Vallauri”. Lo hanno festosamente accolto il dirigente Anna Nucera con i suoi collaboratori e specialmente tutti gli studenti che hanno regalato a padre Giuseppe alcuni oggetti realizzati nei laboratori della scuola: una scacchiera con pedine e una lira calabrese. L’incontro è proseguito con la visita ai laboratori dell’Istituto, da quello di chimica a quello video-grafico, da quello di elettronica a quello di meccanica. E poi, nel cortile, il vescovo, insieme agli studenti, ha piantato un ulivo. Dopo una lunga chiacchierata con gli allievi Mons. Morosini ha salutato tutti con la promessa di tornare per incontrare più prolungatamente gli studenti. L’Istituto Industriale, che da sempre si è caratterizzato per la qualità dei laboratori e il livello di specializzazione dei docenti, è stato per la città di Reggio e per la sua provincia sempre un punto di riferimento. Da questo Istituto sono nate realtà importanti come quelle animate da don Italo Calabrò, idimenticabile professore di religione di questa scuola. Nel pomeriggio, alle 18:30, presso l’Aula Magna dell’Istituto paritario “San Vincenzo de’ Paoli”, l’ufficio Educazione, Scuola, Università in collaborazione con l’Ufficio Famiglia ha organizzato un momento pensato soprattutto per i genitori. Dopo il saluto del coordinatore didattico dei licei dell’Istituto “San Vincenzo”, prof. Daniela Andreoli, l’incontro, moderato da suor Lidia Gatti, ha registrato gli interventi dei coniugi Michela e Pino Bellantone, membri della commissione dell’Ufficio Famiglia, e di don Simone Gatto, direttore dell’Ufficio. I coniugi Bellantone, si sono soffermati sulla funzione educativa genitoriale. La realtà contemporanea e la famiglia con le sue luci e ombre sono state rilette attraverso tre icone evangeliche (la parabola del figliol prodigo, il ritrovamento di Gesù al tempio e la morte di Cristo in croce) a cui sono stati accostati i momenti principali della vita dei figli: la fanciullezza, l’adolescenza e la maturità.
Don Simone Gatto, attraverso il riferimento ai documenti recenti sulla famiglia (l’esortazione apostolica “Familiaris consortio”, gli orientamenti pastorali per il decennio 2010 – 2010 “Educare alla vita buona del Vangelo”, la “Pastorale dei fidanzati” e il “Direttorio di pastorale familiare”) ha evidenziato tre elementi essenziali del rapporto educativo: l’amore, la comunicazione e la testimonianza. Durante l’intervento è stata evidenziata la necessità della riscoperta della coppia come bene principale del matrimonio. Da ultimo, è emersa la visione della famiglia come risorsa in un contesto sociale e politico che, però, non la favorisce tutelando maggiormente l’interesse dei singoli o di altre realtà. La famiglia deve essere invece supportata dallo Stato che deve riconoscere il principio di sussidiarietà insito in essa e anche dalla Chiesa che riconosce il primato educativo della famiglia.

About the Author
Blogger per caso, giornalista per passione. Iscritta all'Albo dei Pubblicisti dal 2012. Due domicili attivi: a Reggio Calabria e a Milano. Dopo una breve esperienza sulla carta stampata, vincendo la timidezza, scopre la radio con cui continua tutt'oggi a collaborare. Dal 2010 è redattrice di Newz.it. Dal 2015 collabora con la sezione Sociale di Corriere della Sera.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo