venerdì 20 aprile 2018 01:28
default-logo

Soveria Mannelli. La Pro Loco partecipa al raduno delle Pro Loco calabresi

Soveria Mannelli (Catanzaro). Continua il lavoro incessante della Pro Loco di Soveria Mannelli guidata dal neo presidente Antonio Ferrante che in occasione del raduno regionale voluto dalla Unpli Calabria (Unione Nazionale Pro Loco Italiane) ha partecipato alla manifestazione organizzando un pullman che ha portato i soci della Pro Loco e anche aderenti di paesi limitrofi a Paola lo scorso 18 maggio, per l’importante manifestazione in onore del Santo d’Europa, San Francesco di Paola. La Pro Loco di Soveria Mannelli, in occasione della Santa Messa celebrata al Santuario di Paola, ha partecipato all’offertorio ed ha portato in dono alcuni oggetti simboli della laboriosità della cittadina, la cultura (i libri della Rubbettino Editore), l’industria manifatturiera (gli arredi della Camillo Sirianni) ed il prodotti tipici locali (i funghi dell’Artigiana Funghi Belmonte), con un tocco di allegria dato dai palloncini di Balloon Party Soveria. La partecipazione alla manifestazione ha assunto per la Pro Loco Soveritana un importantissimo taglio di promozione del territorio di Soveria Mannelli che rappresenta uno dei pochi a vocazione produttiva della zona del Reventino, avendo una delle più estese aree industriali della zona con quasi 10 insediamenti produttivi attivi. “Colgo l’occasione per ringraziare il presidente Uupli Calabria, Vincenzo Ruberto, ed il Responsabile della Segreteria Regionale, Paolo Nicolazzo, per la bellissima manifestazione che hanno voluto organizzare nella bellissima cornice del Santuario di Paola. Il loro lavoro del Presidente Ruberto, alla guida delle Pro Loco Calabresi, sta portando importanti risultati. Un grazie devo esprimerlo anche al nostro consigliere Domenico Colosimo, componente del Consiglio Direttivo dell’Unpli di Catanzaro, che ci ha aiutato nella realizzazione di questo viaggio.” Con queste parole il presidente Ferrante ha voluto ringraziare chi ha lavorato a fondo per questa giornata. “Abbiamo deciso di portare in dono simbolico a San Francesco di Paola i frutti del lavoro delle nostre attività produttive, perché siamo consapevoli che solo attraverso il lavoro si può realmente contribuire allo sviluppo di un territorio, spesso le pro loco da enti di promozione territoriale assumono il ruolo marginale di comitato organizzatore, noi crediamo fermamente che sia l’esatto contrario: attori della promozione del territorio. Stiamo cercando di lavorare in questa direzione e siamo sicuri di poter raggiungere importanti risultati per il bene del nostro territorio. La partecipazione ad eventi di questa portata ci permette di allargare il nostro orizzonte e confrontarci con realtà che spesso hanno molta più esperienza di noi e possono rappresentare buoni esempi da imitare”.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo