mercoledì 25 aprile 2018 20:27
default-logo

Brancaleone. Litiga col datore di lavoro e rompe un braccio a uno dei Carabinieri intervenuti: arrestato un tunisino

Brancaleone (Reggio Calabria). Nella tarda serata di ieri, a seguito di segnalazione di un privato cittadino, i Carabinieri della Stazione di Brancaleone hanno tratto in arresto in flagranza di reato, Haj Hamza Nabil, 39enne tunisino regolarmente presente sul territorio nazionale. In particolare, verso le ore 19.00 di ieri, presso l’azienda agricola “Palumbo”, ubicata in località Pantano, per incomprensioni sorte a causa di problemi sul lavoro, si è scatenata una animata discussione tra il titolare della ditta e lo straniero, suo dipendente.
All’arrivo dei Carabinieri, gli animi dei litiganti erano oltremodo accesi e, nel tentativo di allontanarli tra loro al fine di riportare la situazione alla calma e generalizzarli, Haj Hamza si è scagliato contro i militari, opponendosi all’identificazione; ne è nata una breve ma intensa colluttazione, all’esito della quale, il tunisino è stato ammanettato con non poche difficoltà e dichiarato in arresto, non prima di essere riuscito a colpire i militari, in particolare un Carabiniere Scelto 35enne, originario di Messina, sposato, che dalla zuffa ha avuto la peggio (dopo le prime cure ricevute presso l’Ospedale di Locri, recatosi presso il “Papardo” di Messina, il militare è stato riscontrato affetto dalla frattura alla base del 1° metacarpo della mano destra e dal distacco parcellare osseo di pertinenza del trapezio omolaterale).
Al termine dell’udienza di convalida che ha avuto luogo stamane, cui l’uomo è stato condotto dai Carabinieri dopo 2 giorni di detenzione presso le camere di sicurezza della Compagnia di Bianco, in attesa del giudizio direttissimo, il gip del Tribunale di Locri ha disposto la sua custodia cautelare in carcere. Intanto, verranno avviate le pratiche per la sua espulsione dal territorio nazionale.
Sempre presso la medesima azienda agricola, nella serata del 2 giugno 2014, i Carabinieri di Brancaleone avevano tratto in arresto il flagranza di reato Zied Chouchen, un altro 32enne di origine tunisina da tempo residente in Italia, sorpreso mentre, per l’ennesima volta, stava maltrattando la propria convivente romena, 40enne. In quella circostanza, i militari dell’Arma avevano accertato che gli episodi di violenza perpetrati dall’uomo nei confronti della donna si susseguivano sin dal novembre dello scorso anno e sono culminati nell’ennesima aggressione cui l’immediato intervento dei Carabinieri ha posto termine.

Haj Hamza Nabil

Haj Hamza Nabil

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo