giovedì 19 aprile 2018 17:45
default-logo

Catanzaro. Viabilità pericolosa nella zona sud, Camerino propone la realizzazione di apposite rotatorie

Catanzaro. “In questi giorni, ancora una volta, all’incrocio tra via Lucrezia della Valle e via Conti Falluc, si sono sfiorati pesanti incidenti stradali . L’incrocio, purtroppo si conferma luogo di pericolo per la circolazione urbana anche per il notevole flusso di traffico che interseca. Una condizione resa ancora più grave in considerazione del fatto che da diverso tempo i semafori installati per regolare il transito sono fuori uso. Sarebbe, quindi, opportuno ripristinare nel più breve tempo possibile la corretta funzionalità dell’impianto per evitare incidenti che coinvolgano le persone” E’ quanto sostiene il consigliere comunale Mario Camerino, il quale aggiunge “ In realtà l’intera rete viaria della zona sud della città necessita di opportuni provvedimenti atti a regolare i flussi di traffico. Non dimentichiamo l’incidente che causò la morte al giovane agente della Polizia municipale, Paolo Procopio, che commosse tutta la città anche per la sfortunata dinamica dell’incidente. Incidente avvenuto all’incrocio di Viale Cassiodoro all’altezza dell’Istituto Professionale. Crocevia pericoloso a causa della scarsa visuale che offre all’automobilista. Occorre , dunque, trovare una soluzione per i principali snodi veicolari essenziali che intersecano via Lucrezia Della Valle e via Cassiodoro per garantire più sicurezza ad una parte strategica dell’assetto viario della città. Più volte, infatti, ho segnalato la necessità di realizzare delle apposite rotatorie. Mi appello, quindi, al sindaco Abramo, molto sensibile ed attento ai problemi della Città ed in particolare a quelli che costituiscono fonti di pericolo per la pubblica incolumità, affinché avvii l’iter per la progettazione di apposite rotatoria. Opere – ha concluso il rappresentante della “lista Scopelliti” – a mio parere indispensabile in una zona certamente ad alto rischio per il transito veicolare”

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo