venerdì 27 aprile 2018 03:06
default-logo

Brancaleone. Guardia Medica nei locali del soppresso Giudice di Pace: il Consiglio respinge

Brancaleone (Reggio Calabria). Respinta la proposta del gruppo consiliare di minoranza in seno al Consiglio Comunale di Brancaleon al fine di allocare la Postazione di Guardia Medica nei locali del Giudice di Pace, soppresso dal prossimo 1° novembre. In considerazione, quindi, che l’edificio di proprietà comunale si renderà disponibile, nei giorni scorsi, la minoranza aveva avanzato una richiesta di convocazione del Consiglio comunale finalizzata a tali scopi. Tale richiesta era stata formulata in quanto i locali dove è ospitata la Guardia Medica versano in uno stato di degrado assoluto e rappresentano il classico pugno allo stomaco per i sanitari che vi operano e per i numerosi pazienti che vi fanno ricorso per le opportune cure mediche. A rappresentare lo stato di criticità dei locali si è incaricato il capogruppo di minoranza Silvestro Garoffolo il quale, nel corso del suo intervento, ha spiegato le vere ragioni per le quali si chiede il trasferimento della postazione medica. Di diverso avviso la maggioranza consiliare che, per bocca del Sindaco Francesco Moio, ha fatto presente che il Consiglio Comunale non ha nessuna competenza di decidere in merito in quanto è un argomento non di pertinenza del consiglio stesso. Non solo. Moio ha risposto al gruppo di minoranza che qualora il Consiglio Comunale decidesse in proposito l’atto sarebbe da considerare nullo a tutti gli effetti. A questo punto Garoffolo ha chiesto al Sindaco se è vero, come si vocifera in paese, che i locali lasciati liberi dal Giudice di Pace saranno assegnati alla Caserma dei Carabinieri. Il Primo cittadino ha ammesso che ci sono state delle interlocuzioni in merito col Colonnello De Magistris, Comandante il Gruppo Territoriale dei Carabinieri di Locri e col Capitano Donvito della Compagnia di Bianco al fine di trovare delle soluzioni per l’allocazione della caserma stessa in quanto sussistono problemi di varia natura per un suo eventuale trasferimento in altro Comune. In ogni caso, il Sindaco, ha garantito che i locali della Guardia Medica saranno messi a norma e che a breve partiranno i lavori di ristrutturazione dell’immobile per renderlo agibile sotto tutti i punti di vista. Alla discussione sono intervenuti, anche, Giovanni Alessi per la minoranza e Giuseppe Fortugno e Gianluca Priolo per la maggioranza. Infine, il Consiglio ha approvato alcune convenzioni(pianificazione urbanistica, servizi scolastici, servizi sociali) con alcuni comuni limitrofi(Bruzzano Zeffirio, Palizzi, Staiti) in ottemperanza alle disposizioni normative in materia di enti locali che impongono loro la gestione associata delle funzioni fondamentali tramite unione dei comuni o convenzioni. Così facendo si perseguiranno alcuni obiettivi fondamentali per la vita e la gestione degli enti quali efficacia, efficienza, economicità e contenimento della spesa pubblica.

Agostino Belcastro

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo