lunedì 23 aprile 2018 16:47
default-logo
Giuseppe Raffa

Elezioni comunali. Gli auguri di Raffa a Falcomatà: “Ci attende un lavoro comune”

Reggio Calabria. “L’elezione a Sindaco di Giuseppe Falcomatà segna il ritorno alla democrazia e al protagonismo dei cittadini ai quali, dopo due anni, è stato restituito il diritto di scelta del governo di Reggio Calabria . E con il ritorno alla partecipazione è stato restituito ai reggini il valore fondamentale della sovranità popolare garantito dalla Costituzione”.
Lo dichiara il presidente della Provincia Giuseppe Raffa, il quale, in una nota, augura buon lavoro al neo sindaco Falcomatà e auspica “l’avvio di un dialogo costruttivo e di condivisione della problematica che insiste sul territorio per agevolare la crescita socio- culturale di una comunità vogliosa di mettere da parte qualsiasi contrapposizione e favorire il raggiungimento del bene comune. La competizione elettorale – dice ancora Raffa -, grazie anche a Lucio Dattola, candidato a Primo cittadino per la coalizione in cui mi riconosco, è stata leale, democratica e, soprattutto, rispettosa della dignità dell’avversario. A Lucio Dattola, che rivolgo un sentito ringraziamento, riconosco l’impegno e la disponibilità di contribuire a fare uscire Reggio dalle secche del commissariamento che, nonostante il difficile lavoro svolto dai tre rappresentanti dello Stato, ha impedito che il governo della città fosse espressione della volontà popolare. Oggi, sono certo, esistono i presupposti per un’ampia e proficua sinergia istituzionale sugli obiettivi comuni da raggiungere ( n cito solo alcuni): il varo della Città Metropolitana, la difesa e il rilancio dell’aeroporto dello Stretto, il miglioramento del sistema infrastrutturale per eliminare il gap esistente tra Reggio ed altre realtà geografiche del Paese. Ci attende – conclude Raffa – un lavoro comune, libero da logiche finalizzate al raggiungimento del consenso, spesso conquistato dalla mancanza di etica politica e dall’imparzialità dell’agire”.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo