giovedì 19 aprile 2018 13:48
default-logo

Santa Cristina d’Aspromonte. Venerdì degustazione enogastronomica a Villa Rossi con lo chef Nino Rossi

Santa Cristina D’Aspromonte. Tornano le degustazioni nella splendida cornice di Villa Rossi, elegante dimora dell’Ottocento, immersa nel verde degli uliveti di contrada Lubrichi a Santa Cristina d’Aspromonte. Protagonisti della splendida serata in programma venerdì 31 ottobre, la cucina del talentuoso chef Nino Rossi e i vini delle Tenute Ferrocinto.
Ad appena 33 anni Nino Rossi è già considerato un talento in cucina. I suoi piatti sono un concentrato di sapori, aromi, colori e giochi di consistenze. Il suo punto di forza è il sentimento e una smisurata passione mescolata a sobrietà ed eleganza. Lo chef Rossi oggi è tra i più amati e apprezzati chef del panorama calabrese, con la sua cucina essenziale, autentica, basata su materie prime di qualità eccelsa e cibi rispettosi della stagionalità. Dopo aver girovagato in lungo e in largo per l’Italia, alla ricerca di odori e sapori nuovi, e aver affiancato alcuni tra i più grandi chef stellati italiani, Nino nel 2007 decide di tornare in Calabria per gestire in prima persona Villa Rossi, l’azienda agricola di famiglia. Nino Rossi, oltre a rappresentare un’eccellenza calabrese nel mondo della gastronomia, è anche orgoglio e portabandiera dei sapori della cucina di questa terra, essendo stato nominato dalla Norge (ente parastatale norvegese per la tutela e la promozione dei prodotti ittici norvegesi nel mondo) ambasciatore in Italia dello stoccafisso di Norvegia.
In occasione della degustazione di venerdì 31 ottobre, lo chef Nino Rossi proporrà un menù altamente creativo che, abbinato ai vini delle Tenute Ferrocino, permetterà agli ospiti che sceglieranno di trascorrere una piacevole ed elegante serata a “Villa Rossi”, di entrare in punta di piedi nei sapori e nel clima dell’autunno.
Si inizierà con un’amuse bouche abbinata ad uno spumante rosè Magliocco, per poi passare a due antipasti che spaziano dai sapori del mare a quelli della terra: baccalà affumicato cucinato in oliocottura con la sua maionese su vellutata di patate alla cenere, pomodorini confit, olive nere disidratate e capperi; come seconda proposta, espressione croccante di coda con fondente di cipolla rossa di Tropea al Porto, sedano croccante e aria di ’nduja. Il vino proposto per i due antipasti è il Terre di Cosenza.
Sempre restando all’alternanza di sapori e consistenze mare-terra, lo chef Nino Rossi propone due interessanti primi: risotto acquerello con latte affumicato, colatura d’alici e zenzero fresco; e mezzi paccheri con cime di rapa, calamaretti e foie gras. Qui l’abbinamento è con una new entry delle Tenute Ferrocino, il Magliocco Riserva.
I sapori aspromontani, tipici della collocazione geografica in cui è immersa “Villa Rossi”, si ritrovano tutti nel secondo proposto dal giovane chef reggino: pancetta di maiale cotta a bassa temperatura con cipolla agrodolce, patate viola e purè di sedano rapa alla senape. Qui il vino scelto è un Vendemmia tardiva. Il dessert è un insolito abbinamento tutto da scoprire: cremoso di zucca con yogurt croccante, gelato di liquirizia Amarelli e spugna di nocciole.
La prenotazione sarà obbligatoria e ci si può prenotare lasciando un messaggio privato sulla pagina Facebook ufficiale di “Villa Rossi” oppure telefonando al 324.8489554

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo