martedì 24 aprile 2018 22:20
default-logo

Elezioni comunali. Pacifici (Cgil Rc-Locri): “Modello Reggio è storia passata, finisce il degrado etico e morale”

Reggio Calabria. “Con l’elezione del Sindaco Falcomatà finisce il degrado della città”. Con questa dichiarazione, il Segretario Generale della CGIL di Reggio Calabria Mimma Pacifici commenta le elezioni comunali avvenute nella cittadina reggina domenica scorsa. “Il modello Reggio, emblema di una coalizione politica che ha portato la città ai limiti del dissesto finanziario e allo scioglimento del civico consesso per “contiguità mafiose” da oggi diventa storia passata”.
“L’assenza della politica, durante la gestione commissariale – sottolinea Pacifici – è sotto gli occhi di tutti. Fummo noi, il sindacato, a farci carico del vuoto creatosi per rappresentare i bisogni dei cittadini e dei lavoratori del Comune di Reggio Calabria”.
“Oggi, l’elezione di un Sindaco e di un Consiglio Comunale giovane e dinamico ci fa ben sperare in una nuova primavera che guardi all’Area integrata dello Stretto come opportunità di crescita economica e sociale sull’asse Reggio Calabria – Messina. Siamo chiamati ad una operazione di <verità e trasparenza> non solo sulle casse comunali, per come annunciato dal neo-eletto sindaco, ma anche rispetto alle tante vertenze tutt’ora irrisolte sul territorio, come le ex società miste e la vertenza trasporti”.
“Per la futura Città Metropolitana inizia oggi una nuova fase di cambiamento, dove la legalità, il lavoro, i trasporti, la sanità, e la salvaguardia del territorio sono i principali argomenti da affrontare nell’immediatezza. Certi della condivisione dei temi indicati, siamo pronti fin d’ora, nel rispetto dei ruoli, al confronto con il nuovo Sindaco e il Consiglio Comunale riguardo alle proposte avanzate – unitariamente dal Sindacato negli ultimi anni – partendo dal documento programmatico, già condiviso con le associazioni di categoria, sulla Città Metropolitana di Reggio Calabria e la sua Provincia”.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo