mercoledì 25 aprile 2018 21:53
default-logo

Lamezia Terme. Altri 2 Daspo emessi dal questore

Personale della Polizia di Stato del Commissariato di Lamezia Terme ha notificato in questi giorni altri due provvedimenti di Daspo emessi dal questore di Catanzaro, Vincenzo Carella, nei confronti di due lametini, C.P. e G.D.M., per particolari condotte tenute dagli stessi in due distinti incontri calcistici disputati in casa dalla Vigor Lamezia.
Invero, per G.D.M., già sottoposto a DASPO nel mese di marzo per aver preso parte attiva, durante l’incontro Vigor Lamezia – Aversa Normanna, ad una violenta aggressione nei confronti di alcuni spettatori, è stato emesso un nuovo provvedimento più afflittivo del precedente, elevando da 5 a 6 anni la durata del divieto di assistere a qualsiasi manifestazione sportiva calcistica, con la prescrizione aggiuntiva dell’obbligo di presentarsi presso il locale Commissariato durante tutti gli incontri di campionato della Vigor Lamezia. Un aggravamento adottato perché G.D.M., contravvenendo al divieto di accedere in zone ricadenti nel raggio di 1 km dallo stadio in occasione di competizioni sportive, assisteva all’incontro Vigor Lamezia- Reggina da un immobile sito alle spalle del settore tribuna coperta, così come video documentato dalle telecamere dell’impianto di videosorveglianza.
Nei confronti di C.P., invece, è stato emesso un Daspo della durata di anni 5 per aver preso parte, durante l’incontro Vigor Lamezia – Lupa Roma ad una accesa discussione in tribuna con alcuni tifosi ospiti della squadra avversaria terminata con l’intervento degli steward. Dall’analisi della documentazione video è stato possibile ricostruire la dinamica e le responsabilità di C.P. che assisteva all’incontro nel settore Tribuna. Lo stesso, verso la fine del secondo tempo, scavalcava le transenne che all’interno della Tribuna delimitano il settore dedicato agli ospiti accreditati della Lupa Roma e aggrediva un suo dirigente sferrandogli un vigoroso calcio. L’uomo, successivamente identificato, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lamezia Terme.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo