sabato 21 aprile 2018 15:15
default-logo
Filt-Cgil

Morti sul lavoro. Filt Cgil Calabria al fianco della vedova Sciarrone: “Intitolare galleria Paci a suo marito”

Lamezia Terme (Catanzaro). La Filt-CGIL Calabria ricorda con dolore l’incidente sul lavoro occorso nel sesto macrolotto dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria all’interno della galleria Paci, dove il lavoratore Serafino Sciarrone di 35 anni e padre di due figli, ha perso la vita. Sono ormai trascorsi più di due anni da quando Serafino non è più tra noi. Accogliamo la richiesta della moglie di intitolare con il nome di Serafino Sciarrone la galleria dove egli ha perso la vita. A nostro avviso, presumibilmente, sono mancati i presupposti fondamentali per la sicurezza in quel posto di lavoro. E’ per tale ragione che ci sembra cosa giusta e doverosa ricordarlo in quel luogo dove, mentre lavorava, ha incontrato la morte. Alla moglie e ai figli manifestiamo il nostro grande affetto nonché la condivisione per quanto hanno richiesto. Non è per il sindacato una presa di posizione di tipo rituale e dovuta ma ribadiamo che siamo a sostegno di ogni iniziativa che mette al centro il lavoro e le tante morti che si susseguono in Italia ogni anno. Sembra ridicolo, semmai è stato detto, che tale iniziativa possa costituire un precedente. Ci auguriamo per contro che non muoia più nessuno per incidente sul lavoro, solo così non ci sarà più necessità di intitolazioni di gallerie e dunque di “creare precedenti”. Alla vedova Sig.ra Sciarrone va tutto il nostro affetto e la nostra solidarietà.

Nino Costantino
Segretario regionale Filt-CGIL Calabria
Francesco Fazzolari
Responsabile Anas Filt-CGIL Calabria

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo