domenica 22 aprile 2018 14:01
default-logo

Roccabernarda. Continuano i servizi straordinari dei Carabinieri nel paese dove si è consumato l’omicidio di Rocco Castiglione

Roccabernarda (Crotone). Durante il fine settimana appena concluso la Compagnia Carabinieri di Petilia Policastro ha dato vita ad un servizio coordinato di controllo del territorio impiegando sei autovetture, tra le gazzelle del Nucleo Radiomobile e le pattuglie della locale Stazione di nel territorio di Roccabernarda.
I risultati dei controlli, volti tanto ad una maggiore visibilità quanto ad accrescere ulteriormente l’acquisizione di elementi info-operativi sul territorio, sono riassumibili con le seguenti cifre: 52 autovetture controllate, 78 soggetti identificati (di cui una buona metà con precedenti penali), 7 perquisizioni d’iniziativa svolte e 3 controlli a locali pubblici.
I controlli sono stati effettuati sia nel centro abitato, sia lungo le arterie stradali di maggiore utilizzo in considerazione anche dei disagi che le avverse condizioni meteo hanno provocato alla circolazione stradale.
I militari operanti hanno inoltre segnalato alla Prefettura di Crotone due ragazzi del posto perché a seguito di perquisizione veicolare sono stati trovati in possesso di modiche sostanze di marijuana; una persona è stata denunciata in stato di libertà poiché trovata in possesso di un certificato assicurativo palesemente falsificato e a due guidatori è stata ritirata la patente per infrazioni al codice della Strada.
I servizi straordinari di controllo del territorio in Roccabernarda rientrano nel contesto di un incremento della presenza delle pattuglie perlustrative della Compagnia Carabinieri di Petilia nel citato paese, dispositivo messo in atto a partire all’inizio della scorsa estate in seguito all’omicidio di Rocco Castiglione (proprio in relazione all’agguato del maggio scorso, i Carabinieri rinvenirono poco dopo l’omicidio, nelle adiacenze del luogo, alcune armi che poi sono state inviate al RIS di Messina per l’isolamento di alcune tracce di DNA ed impronte papillari rinvenute sulle armi).

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo