venerdì 27 aprile 2018 03:10
default-logo

Cosenza. Guardia di Finanza sequestra 11 Kg di marijuana sulla SS 106: due arresti

Cosenza. Continua incessantemente l’attività di servizio nel settore della lotta al traffico e consumo di sostanze stupefacenti da parte degli uomini delle Fiamme Gialle di Montegiordano che hanno proceduto al sequestro kg 11,260 di marijuana sulla Statale 106 ionica all’altezza del comune di Roseto Capo Spulico (Cs).
La brillante operazione eseguita sotto la direzione del sostituto procuratore della Repubblica di Castrovillari – Mariagrazia Anastasia – ha portato all’arresto di due uomini, di origine siciliana, R.S. di 45 anni e S.F. di 37 anni, resisi responsabili del reato di cui all’art. 73 del dpr nr. 309/90 (detenzione e traffico di sostanza stupefacente).
A seguito di un controllo su strada, i militari hanno intimato l’alt ad una autovettura che transitava – nelle prime ore del mattino – sulla ss.106 all’altezza dell’abitato del comune di Roseto Capo Spulico. I due occupanti durante i controlli di rito avrebbero mostrato evidente nervosismo nonché titubanza nel comunicare le motivazioni della loro presenza in loco; tali indizi hanno indotto i militari ad estendere l’attività ispettiva all’intero automezzo.
L’acume investigativo dei militari nonché l’infallibile fiuto del pastore tedesco “Ully” ha consentito di sottoporre a sequestro, a seguito di una accurata perquisizione operata sulla vettura, 11 (undici) pani per un peso complessivo di kg. 11,260 di marijuana abilmente occultata all’interno delle portiere anteriori nonché in un’intercapedine ricavata nel paraurti posteriore.
Entrambi i responsabili, con precedenti specifici, dopo le formalità di rito, sono stati associati presso la casa circondariale di Castrovillari e messi a disposizione dell’autorità giudiziaria inquirente.
Tale fenomeno delittuoso, costantemente attenzionato dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza, pone in risalto il massiccio interesse della criminalità verso un settore dai facili guadagni a scapito della salute e dell’incolumità fisica dei consumatori in gran parte giovanissimi.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo