giovedì 26 aprile 2018 20:53
default-logo

Palermo. Gioco d’azzardo: controlli dei Carabinieri

Palermo. I Carabinieri della stazione di Altarello di Baida hanno denunciato in stato libertà per esercizio di giochi d’azzardo, R.A., nato a Palermo, classe 1960, ivi residente. I Carabinieri hanno accertato che il locale in uso all’uomo, a cui vi si accedeva attraverso una porta in alluminio completamente oscurata da pannelli in pvc di colore bianco, tali da non consentire di vedere all’interno, era stato abusivamente adibito a sala giochi. I Carabinieri hanno constatato che all’interno dell’esercizio vi erano sette apparecchiature elettroniche da gioco nello specifico 4 video poker e 3 video giochi del genere proibito.
Durante l’ingresso al locale la corrente di alimentazione era scollegata e veniva azionata mediante un interruttore interno che non appena acceso permetteva il funzionamento delle macchinette. Il locale era arredato di tutto punto, oltre alle macchinette vi erano alcuni sgabelli ed una scrivania nonché, per una pausa, la macchinetta del caffè. Il materiale elettronico è stato poi posto sotto sequestro.
In un altro controllo, questa volta a Monreale-Pioppo, i Carabinieri della Stazione con l’ausilio del personale dell’A.A.M.S. (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) di Palermo, hanno denunciato in stato di libertà per esercizio abusivo di attività di gioco e scommessa, due commercianti T.V., nato a Palermo, classe 1982, residente a Monreale e C.M., nato a Palermo, classe 81, residente a Partinico.
Nella circostanza i tecnici dell’A.A.M.S. hanno appurato che entrambi i commercianti, titolari di due distinti esercizi, non possedevano la licenza di P.S. per svolgere l’attività di raccolta ed agevolazione delle scommesse e non avevano in loco il materiale informativo A.S.L. sul rischio di dipendenza dalla pratica di giochi con vincita in denaro.
Per tali motivi alla denuncia ha fatto seguito il sequestro dei locali e dei materiali per il gioco d’azzardo siti al loro interno.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo