lunedì 23 aprile 2018 23:20
default-logo
Giuseppe Isola

Palmi. I dettagli sull’arresto dell’ex assessore Giuseppe Isola: tentata concussione ai danni della Full Forming

Palmi (Reggio Calabria). Nella serata di ieri, 19 gennaio 2015, personale della Polizia Locale di Palmi ha tratto in arresto, in esecuzione di una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari, Giulio De Gregorio, su richiesta della Procura della Repubblica di Palmi diretta dal procuratore aggiunto Emanuele Crescenti, l’ex assessore presso il Comune di Palmi (con delega all’Ambiente, Attività Produttive e Società Partecipate) Giuseppe Isola, di 48 anni, per il reato di tentata concussione (punito dagli artt.81, 56 e 317 c.p.) in danno dell’Associazione Full Forming il cui presidente è la Dott.ssa Ottavia Silvana Morgante.
L’ex assessore Isola è stato prelevato presso l’abitazione dei genitori, dove si trovava ristretto in regime di arresti domiciliari a seguito del pronunciamento del Tribunale della Libertà di Reggio Calabria che, nel mese di dicembre scorso, aveva modificato la misura cautelare della custodia in carcere applicata in relazione alla tentata concussione ai danni dell’Associazione Leonida, sostituendola con quella più tenue degli arresti domiciliari.
Le attività d’indagine, svolte dai Sostituti Procuratori Salvatore Dolce ed Enzo Bucarelli coadiuvati dalla Polizia Locale di Palmi, non si erano concluse dopo l’arresto di Isola e della sua compagna, ma erano ovviamente proseguite incessantemente. Proprio in tale contesto erano emerse numerose analogie con fatti verificatisi tra il 2008 ed il 2014 che avevano riguardato l’Associazione Full Forming, operante nel ramo della formazione ed assegnataria, nel novembre 2008, di un bene immobile confiscato sito nella via Concordato concessole in comodato d’uso.
Le indagini, svolte con la fattiva cooperazione delle vittime, avrebbero consentito di delineare nettamente il modus operandi. Anche in questo caso, secondo l’accusa, Giuseppe Isola si sarebbe avvicinato alla Full Forming, in forza di pregressi rapporti di conoscenza personale con la Presidente Prof.ssa Morgante, ne avrebbe carpito la fiducia, avrebbe speso le sue influenze istituzionali facendole credere di averla fortemente aiutata, si sarebbe prodigato il più possibile per velocizzare le procedure burocratiche di assegnazione del bene evidenziando ai soci dell’Associazione tutte le sue capacità e possibilità di “dirigere” la macchina burocratica, poi avrebbe iniziato a far divenire la sua presenza sempre più invadente.
Nel giugno del 2010 la Full Forming e la P.P.M. S.p.A., in convenzione, avevano redatto un progetto per la formazione continua dei lavoratori delle piccole e medie imprese e per le grandi imprese da realizzare con il contributo del fondo sociale europeo 2007/2013, a seguito di un bando pubblicato dalla Regione Calabria, per un valore di circa € 100.000,00. In quel frangente Isola, la cui presenza sarebbe divenuta ormai costante presso la sede dell’Associazione, avrebbe iniziato a portare personalmente diversi curricula, tra cui quello di Chiara Gentiluomo, sponsorizzandoli caldamente e chiedendo che venissero tenuti fortemente in considerazione, accompagnandoli con la frase “ricordatevi di me!”.
L’epilogo tra il giugno e luglio del 2010 quando Giuseppe Isola, giunto alla sede dell’Associazione e molto irritato con i soci Morgante e Quattrone, rispettivamente Presidente e Vice Presidente dell’Associazione, per le mancate risposte, li avrebbe aggredito verbalmente avanzando loro una esplicita ed inequivoca richiesta di denaro in cambio dei favori che egli avrebbe fatto loro nella qualità di amministratore comunale… “non m’interessa tuttu u restu e sti chiacchieri, m’aviti a diri chi nc’è pe mia”, e avrebbe accompagnato questa richiesta sbattendo ripetutamente e con violenza le nocche della mano sul tavolo e tenendo la mano aperta…..”. A tale richiesta i soci della Full Forming avevano opposto un netto rifiuto e Isola si sarebbe congedato da loro minacciandoli di fargliela pagare. Il progetto con la P.P.M. S.p.A. non è stato poi ammesso a finanziamento e la Full Forming non ha realizzato quasi nulla fino al primo semestre 2011. Nel frattempo è caduta la precedente Amministrazione e si è giunti al maggio/giugno 2012, quando Giuseppe Isola è stato rieletto quale consigliere dell’attuale maggioranza. Pochi mesi dopo l’insediamento era arrivata una richiesta della Provincia diretta al Sindaco con la quale quell’ente chiedeva la compatibilità della gestione del bene confiscato con lo svolgimento di corsi liberi (26 luglio 2012). Quella nota, ancora secondo l’accusa, sarebbe divenuta per Giuseppe Isola il pretesto per imbastire un’imponente attività ritorsiva nei confronti della Full Forming, sollecitando l’avvio di una inchiesta sulla gestione del bene, facendosi anche promotore in tal senso di una sottoscrizione tra i consiglieri comunali tesa a chiedere, alla Commissione Consiliare, una indagine accurata sull’Associazione. La terza Commissione Consiliare Comunale, investita quindi dal compito di effettuare le verifiche in ordine alla gestione dell’immobile ha dato mandato al Comando di Polizia Locale di eseguire accertamenti sull’utilizzo del bene da parte dell’Associazione Full Forming, accertamenti che si sono conclusi con una relazione consegnata nel novembre 2012 nella quale si suggeriva di chiedere un parere alla Prefettura ed all’Agenzia per i Beni Confiscati sulla compatibilità dell’attività formativa “libera” con la gestione del bene confiscato.
La Giunta Comunale però, non ha interloquito con altri organi istituzionali, e con Deliberazione n.134 del 20 novembre 2012, ha deciso di revocare l’assegnazione in comodato d’uso gratuito dell’immobile, dando mandato al Responsabile dell’area urbanistica di porre in essere tutti gli atti necessari affinché l’Ente rientrasse in possesso del bene nel più breve tempo possibile. Con successiva ordinanza del 2 gennaio 2013 il Capo Area Urbanistica del Comune di Palmi, ingiungeva quindi alla Signora Ottavia Silvana Morgante, Presidente dell’Associazione Full Forming, di lasciare libero l’immobile entro il 10 gennaio 2013, con l’avviso che in caso di inottemperanza, l’Ente avrebbe provveduto allo sgombero coattivo. Il provvedimento è stato comunicato all’Associazione interessata, la quale ha provveduto ad impugnarlo al Tar di Reggio Calabria che, con pronuncia n.31/2013, prima ha accolto la richiesta di sospensiva dell’ordinanza nr.1/2013, ritenendo sussistente per la ricorrente un pregiudizio grave ed irreparabile durante il tempo necessario a giungere alla decisione sul ricorso, poi è entrato nel merito nel dicembre 2013, con Sentenza n.64/2014 pubblicata nel 2014, con la quale dava ragione alla parte ricorrente a causa delle palesi violazioni delle norme sulla partecipazione al procedimento amministrativo, evidenziando che la fretta nel concludere lo “sfratto” aveva leso i diritti della parte ricorrente e che l’apparato burocratico dell’ente aveva commesso una sequela di errori palesi e di violazioni procedurali.
Le indagini proseguiranno per valutare eventuali posizioni che dovessero aver favorito tali azioni. Come disposto nel provvedimento cautelare l’ex Assessore Giuseppe Isola, dopo le formalità di rito, è stato associato presso Casa Circondariale di Palmi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che procederà, nei prossimi giorni, all’interrogatorio di garanzia.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo