venerdì 20 aprile 2018 18:27
default-logo

Castrovillari. Arrestato per aver prodotto atti falsi al giudice

Castrovillari (Cosenza). Nel corso della mattinata di ieri, su proposta del pubblico ministero Francesco Santosuosso ed ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Castrovillari, Letizia Benigno, è stato tratto agli arresti domiciliari I.F., 37enne di Castrovillari. In particolare, da una attività eseguita in maniera congiunta dalle locali forze di polizia (Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza), è emerso che la persona poi arrestata, soggetta anche alla misura della sorveglianza speciale, producendo falsa documentazione, si era avvalsa di benefici non spettanti in relazione alla sua primaria condizione di detenuto associato ad una casa circondariale, prima, e di soggetto posto ai domiciliari, poi.
Infatti I.F. nel 2013, detenuto presso un carcere della Toscana, aveva prodotto falsi documenti recanti la firma del legale rappresentante di una società, attestanti la volontà di quest’ultimo all’assunzione presso i propri cantieri siti nel cosentino; tale falsa attestazione ha indotto erroneamente il giudice per la sorveglianza a determinarsi nel porlo in stato di regime detentivo domiciliare nel territorio castrovillarese e consentirgli la susseguente attività lavorativa. Tuttavia, l’anomala circostanza non è passata inosservata agli uomini del locale Commissariato, del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia Carabinieri e degli uomini della Compagnia della Guardia di Finanza, che da riscontri effettuati nei carteggi in loro possesso hanno evidenziato quanto avvenuto, segnalando alla locale autorità giudiziaria inquirente quanto emerso, la quale si è poi determinata con l’applicazione della misura degli arresti domiciliari.
È, dunque, costante l’attenzione rivolta dalle forze di polizia presenti sul territorio del Pollino, mirata alla repressione dei reati e alla prevenzione dalla commissione degli stessi, risultando sempre più efficace e costituendo un fronte comune sempre pronto alla lotta e al contrasto dei fenomeni illeciti.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo