domenica 22 aprile 2018 22:18
default-logo

Due rapine in un’ora. Sparano per l’incasso del supermercato, grave un dipendente: la ferma reazione delle Volanti

Reggio Calabria. E’ una cronaca da assalto alla diligenza quella di ieri sera in città, teatro di due rapine, una delle quali finita nel sangue. Ore 19:00, quartiere di San Brunello, a nord della città. Avviene una prima rapina, ai danni di un dipendente di un supermercato della catena “Mercati Alimentari” che portava i soldi alla cassa continua. I rapinatori arraffano il bottino. La reazione delle Volanti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico è ferma, fulminea. Gli uomini diretti dal vice questore aggiunto Luciano Rindone piombano in poco tempo sui rapinatori e li ammanettano.
Un’ora dopo, però, una seconda rapina avviene dall’altra parte della città, sul raccordo dell’aeroporto dello Stretto, alla periferia sud. Stavolta le modalità sono in perfetto stile Far West. Due uomini viaggiano a bordo di una utilitaria di fabbricazione francese, una piccola Peugeot, trasportando l’incasso del supermercato Center Stock. La dinamica della rapina non è ancora del tutto chiaro. Di certo si sa che la Peugeot viene affiancata da una vecchia autovettura Ypsilon, con a bordo i rapinatori. Forse fanno cenno di accostare, forse il conducente della Peugeot non comprende o tenta di opporsi, sta di fatto che dalla Ypsilon viene esploso un solo colpo di fucile caricato a pallini contro i due occupanti della Peugeot. L’utilitaria francese interrompe la propria corsa, i balordi arraffano 4 mila euro di bottino, e fuggono. Sul sedile del passeggero, un dipendente del supermercato viene raggiunto alla testa dai pallini, rimane gravemente ferito, ora versa in gravi condizioni agli Ospedali Riuniti. Sul posto sopraggiungono le Volanti, purtroppo nonostante gli sforzi stavolta i rapinatori riescono a dileguarsi. Dal raccordo hanno potuto facilmente imboccare la SS 106 per fuggire. Le indagini vengono assunte dagli investigatori della Squadra Mobile diretta dal primo dirigente Francesco Rattà e dal suo vice Fabio Catalano. La scena del crimine viene passata al setaccio dagli specialisti del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica diretto dal vice questore aggiunto Diego Trotta. E’ caccia ai rapinatori.

Fabio Papalia

© Riproduzione vietata

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo