venerdì 20 aprile 2018 08:57
default-logo

Operazione della Dia di Genova: confiscati beni in Piemonte e a Cittanova

Genova. Il personale del Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia di Genova – rende noto un comunicato stampa della Dia che qui pubblichiamo integralmente – ha dato esecuzione in Tortona (Alessandria) e Cittanova (Reggio Calabria) alla confisca, disposta dalla Corte di Appello di Reggio Calabria, di numerosi beni mobili e immobili riconducibili ai fratelli Aldo ed Ercole Gaglianò, per un totale di circa 2.500.000 di euro, di provenienza illecita e di valore sproporzionato rispetto alla situazione patrimoniale accertata e quella reddituale loro, delle mogli e dei figli.
Aldo ed Ercole Gaglianò, nativi di Cittanova (RC), ma trasferitisi a Genova già dagli anni Ottanta, sarebbero presunti affiliati alla cosca “Facchineri”, operante in Cittanova e nel nord Italia. Il padre Giuseppe è stato ucciso, a Genova, nel 1978, nell’ambito della “faida di Cittanova” che vedeva contrapposti la ‘ndrina “Facchineri” da un lato e quella “Raso-Gullace-Albanese” dall’altro, mentre il fratello Luciano Gaglianò è stato assassinato, sempre a Genova, nel 1991, da parte di esponenti della consorteria “Fiandaca-Emanuello”, propaggine della famiglia “Madonia”, della Cosa nostra nissena e già operante nel capoluogo Ligure. Il 30 gennaio 2015 la Corte di Appello di Reggio Calabria ha disposto la confisca dei beni, rigettando la misura di sorveglianza di pubblica sicurezza.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo