domenica 22 aprile 2018 14:21
default-logo
Vincenzo Belcastro

Il calabrese Vincenzo Belcastro eletto segretario nazionale della Società Italiana di Neurologia Pediatrica

Brancaleone (Reggio Calabria). Figli della Calabria che si fanno onore in Italia e nel mondo che con la loro professionalità tengono alto il prestigio della regione con risultati eccellenti. E’ il caso di Vincenzo Belcastro, 38 anni, di Brancaleone, medico neurologo in servizio presso l’Azienda Ospedaliera S.Anna di Como. Il medico brancaleonese è stato eletto, recentemente, Segretario Nazionale della Società Italiana di Neurologia Pediatrica nell’ultimo Congresso Nazionale di Palermo. Una bella soddisfazione, grazie al suo corposo curriculum studiorum, che premia al di là di ogni possibile ragionamento l’impegno col quale il giovane medico si dedica alla sua professione fatta di studio, passione, amore e grande dedizione verso i suoi pazienti che rappresentano l’essenza della sua missione medica, specialmente nei piccoli pazienti. D’altronde il suo percorso di studio è stato sempre costellato da ottimi risultati. Ha conseguito la Laurea in Medicina e Chirurgia e la specializzazione in Neurologia presso l’Università degli Studi di Messina. Durante il periodo di dottorato di ricerca presso l’Università degli Studi di Perugia ha partecipato a numerosi congressi medici nazionali e internazionali acquisendo, nonostante la giovane età, un’esperienza che le è servita a migliorare la sua preparazione culturale e professionale. Per capire meglio quali sono gli obiettivi che la Società Italiana di Neurologia Pediatrica si prefigge siamo andati a trovarlo nell’abitazione dei suoi genitori di Brancaleone dove sta trascorrendo alcuni giorni di vacanza. “Lo scopo della Società Italiana di Neurologia Pediatrica – dice il dottor Belcastro – è quello di incoraggiare la ricerca e l’assistenza medica nel campo della neurologia pediatrica, per la prevenzione, diagnosi e terapia delle malattie del sistema nervoso del bambino, anche con scambi culturali con studiosi stranieri. La nostra società scientifica, infatti, riveste un ruolo fondamentale nella formazione di Pediatri, Neurologici e Neuropsichiatri Infantili in ambito nazionale con il fine di approfondire gli aspetti preponderanti delle malattie neurologiche nel bambino”.

Graziella Giordano

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo