martedì 24 aprile 2018 02:44
default-logo

“Legalità come fattore di sviluppo”: la tavola rotonda organizzata dalla Prefettura di Reggio Calabria

Reggio Calabria. “Legalità come fattore di sviluppo”: è questo il tema della tavola rotonda organizzata per sabato prossimo, 21 marzo, dalla Prefettura di Reggio Calabria. L’iniziativa, il cui inizio è fissato alle 9,30, avrà luogo nell’Aula magna “Quistelli” dell’Università Mediterranea. All’incontro prenderanno parte il prefetto di Reggio Calabria, Claudio Sammartino; il magistrato Luca Palamara, ex presidente dell’Associazione nazionale magistrati ed attuale componente del Consiglio superiore della magistratura; il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, e capo della Direzione distrettuale antimafia, Federico Cafiero de Raho, ed il Vice Presidente nazionale di Confindustria, Ivanhoe Lo Bello. Concluderà i lavori il Sottosegretario di Stato all’Interno, Gianpiero Bocci. All’iniziativa è prevista la presenza di Autorità nazionali, provinciali e locali. La tavola rotonda è stata organizzata dalla Prefettura di Reggio Calabria nell’ambito del progetto denominato “Eupraxis – percorsi per la diffusione della cultura della legalità”, nel contesto del PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007/2013. Il Progetto Eupraxis, rivolto agli operatori delle forze di polizia e delle Amministrazioni locali, mira ad attivare e realizzare reti territoriali e ad approfondire politiche e iniziative a sostegno della legalità, coerenti con le specificità del contesto locale al fine di rafforzare il radicamento delle buone prassi in materia di prevenzione e contrasto di tutti i fenomeni di illegalità. Il Progetto, che si articola in diverse fasi, prevede l’attivazione di Forum on line sul tema “Misure, strategie e cooperazione per la diffusione della cultura della legalità, con spazi e occasioni di confronto e dibattito on line (accesso libero previa registrazione ad area dedicata su www.progettoeupraxis.it) tra i diversi attori del territorio, in particolare enti locali, università e scuole; un’attività di ricerca finalizzata ad analizzare politiche e pratiche a supporto della legalità in relazione a temi di particolare attualità (urbanistica e territorio, welfare e mercato del lavoro, appalti pubblici e normativa antimafia, cultura ed educazione); un percorso formativo per il personale delle Forze di Polizia e dirigenti e funzionari delle Amministratori locali calabresi; l’organizzazione di 25 Seminari informativi (cinque in ognuna delle province della Calabria) su tematiche di particolare interesse (beni confiscati, immigrazione e modelli di integrazione, attività di prevenzione e contrasto ai fenomeni del racket e dell’usura). L’iniziativa, che ha valenza regionale, è realizzata in collaborazione con le Prefetture di Catanzaro, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia e con il supporto dell’Istituto “Guglielmo Tagliacarne”, dell’Associazione Libera-Associazioni Nomi e Numeri Contro le Mafie e dell’Universitas Mercatorum. Sempre il 21 marzo, con inizio alle 11,30, nel campo sportivo comunale “N. Lopresti” di Gallico, avrà luogo il primo torneo di calcio “Percorsi della legalità” tra le Nazionali dei prefettizi e dei magistrati e la squadra interforze provinciale. All’incontro, insieme ad autorità, assisteranno studenti delle scuole medie dell’obbligo e degli istituti di istruzione secondaria.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo