sabato 21 aprile 2018 07:57
default-logo

Inaugurati i nuovi locali del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco

Reggio Calabria. Oggi pomeriggio, alla presenza del sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno, Gianpiero Bocci, sono stati inaugurati i nuovi locali della sede centrale del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Reggio Calabria. Alla cerimonia erano altresì presenti il Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Prefetto Francesco Musolino, il Prefetto di Reggio Calabria Claudio Sammartino, il Direttore Regionale De Angelis, i Comandanti Provinciali Calabresi e numerose altre Autorità Civili e Militari. I nuovi locali sono stati benedetti dall’Arcivescovo della Diocesi Reggio Calabria-Bova Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini.
Nei nuovi locali trova spazio una caserma con camerate, sala mensa e cucina, al piano terra vi è il deposito mezzi e nella palazzina H i magazzini. “Oggi – ha detto il sottosegretario – scriviamo una pagina positiva non solo per i Vigili del Fuoco, che ringrazio per il loro forte senso dello Stato, ma per il Paese. I Vigili sono la parte più bella di questo Paese e quando incontriamo un uomo con la divisa dobbiamo dirgli grazie. Il Governo oggi sta a Reggio Calabria perché la casa dei Vigili del Fuoco sia operativa, dignitosa e accogliente, un luogo dove ogni giorno uomini esercitano il proprio lavoro ma anche un posto dove si avverte la presenza dello Stato. Il Governo sta facendo un grande sforzo: questo era un Comando che aveva molti problemi logistici e ha bisogno di uomini e mezzi. Oggi però noi lo abbiamo portato tra i Comandi più alti del Paese e a Reggio arriveranno presto mezzi e uomini grazie all’ultimo provvedimento statale. Nessun altro Corpo nazionale ha assunto tremila nuovi vigili: duemila con il provvedimento straordinario e mille con il turnover. Non vogliamo creare precari, ma gente che si stabilizza. Questa è la grande scommessa culturale, molto faticosa, ma che restituisce dignità e trasparenza al Paese. Saremo vicini alla città portando ulteriori risorse di mezzi e tecnologie nuove. Non vi lasceremo soli – ha concluso Bocci – e faremo di Reggio Calabria un punto centrale per il soccorso pubblico del Paese”.


Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo