venerdì 20 aprile 2018 14:38
default-logo

Guardia di Finanza soccorre 900 migranti nel Canale di Sicilia

Lampedusa (Agrigento). Questa mattina, il pattugliatore Monte Sperone della Guardia di Finanza, in operazioni nello Stretto di Sicilia, ha avvistato un barcone di legno, carico di migranti, a circa 31 miglia a nord delle coste della Libia. L’equipaggio delle Fiamme Gialle, dichiarato Evento SAR, ha imbarcato tutti i migranti sulla propria unità navale. Numerosi bambini e donne. Alcune in avanzato stato di gravidanza. Concluse le operazioni di trasbordo di tutti i 411 migranti, i Finanzieri hanno avvistato in prossimità dell’evento altre 2 imbarcazioni che sono state immediatamente avvicinate dal pattugliatore. Considerate le precarie condizioni di salute di alcuni migranti già a bordo del Monte Sperone a seguito del primo salvataggio, sull’unità del Corpo ha preso imbarco l’equipe sanitaria del cooperante pattugliatore Di Bartolo della Guardia di Finanza, che ha prestato le prime cure alle persone più bisognose. Durante il soccorso al natante in maggiore difficoltà, occupato da 173 migranti tutti trasbordati sul Monte Sperone, i mezzi navali del Corpo sono stati raggiunti dalla Nave Espero della Marina Militare italiana. Terminate le attività di soccorso, il Monte Sperone, con 584 persone, tra i quali sono stati individuati due sospetti scafisti, ha iniziato la navigazione verso le coste italiane. Il pattugliatore Di Bartolo, intanto, dirigeva per il soccorso di una quarta imbarcazione, con 294 migranti, individuata dalle unità navali della Guardia di Finanza poco distante dal luogo dei precedenti 3 avvistamenti. Tutti gli occupanti sono stati trasbordati sull’unità delle Fiamme Gialle che al momento sta dirigendo alla volta di Lampedusa.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo