domenica 22 aprile 2018 10:44
default-logo

Serie A in dirittura d’arrivo: Napoli-Lazio ultimo big match della stagione

Cala il sipario sul campionato di serie A, arrivato al capolinea con la 38ª giornata. In questo turno c’è solo un verdetto ancora da definire, ed è quello dell’ingresso in Europa. Si giocano il tutto e per tutto quattro squadre in 7 punti, e sono: Lazio, Napoli, Fiorentina e Genoa. Sui rossoblu però c’è da fare una doverosa precisazione: il club del Grifone ha infatti perso il diritto alla licenza Uefa per un ritardo nella consegna della domanda d’iscrizione ai tornei continentali. Questo è stato causato da presunti problemi finanziari che graviterebbero intorno alla società, nella persona del presidente Preziosi. Che però ha subito tranquillizzato i tifosi affermando che non ci sono problemi del genere, ma solo tempistiche errate. E ora si attende il risultato del ricorso, prontamente inviato all’organo della Uefa. Sarebbe un peccato un’esclusione dopo un cammino esaltante degli uomini di Gasperini in questa stagione, autori di gare convincenti e di un’unità di gruppo come non si vedeva da tempo in casa rossoblu.

Gli anticipi vedono i campioni d’Italia della Juventus, freschi di titolo, impegnati sul campo del Verona, ormai salvo, e del capocannoniere del torneo, un redivivo Luca Toni che a 38 anni ha segnato 21 reti in serie A. L’anticipo serale vedrà invece sfidarsi Atalanta e Milan: i bergamaschi sono salvi da due giornate, mentre i rossoneri sono ansiosi di finire questa stagione che si potrebbe definire delirante. Sì, perché era partita con tutte le buone intenzioni: dalla favola dell’eroe di Atene diventato allenatore e definito il nuovo Ferguson italiano – parole di tanti addetti ai lavori, forse un po’ troppo entusiasti a inizio stagione – all’inferno di prestazioni al limite dell’imbarazzante e 12 gare perse, più 13 pareggiate, che hanno relegato la squadra di Pippo Inzaghi al momentaneo decimo posto.

La sfida più importante di giornata però è sicuramente Napoli-Lazio, che attrae le attenzione degli amanti delle scommesse sulla serie A. Le due compagini si giocano il tutto per tutto: o terzo posto più preliminari Champions, o quarto posto più Europa League. Divisi da soli 3 punti, con i biancocelesti in vantaggio a quota 66, con la vittoria del Napoli a fare la differenza sarebbero i due scontri diretti. Tira un sospiro di sollievo per la conclusione di questa stagione anche l’Inter di Roberto Mancini, che non ha più nulla da chiedere a un campionato che, con più costanza, avrebbe potuto dire qualcosa in più di un nono posto: prima Mazzarri, poi il tecnico jesino, non sono riusciti a trovare il bandolo di una matassa non ancora definita. L’Inter è, di fatto, un cantiere ancora aperto.

Finisce in tranquillità l’avventura di Roma e Palermo, sfidanti in questo turno: Garcia, che probabilmente lascerà la capitale a giorni, si deve accontentare del secondo posto, dopo aver minato la supremazia bianconera in fatto di scudetto solo per i mesi iniziali. I rosanero, salvi da tempo, salutano il gioiello Dybala, in dirittura d’arrivo tra le fila della Juventus, e salutano anche il loro pubblico al termine di un campionato più che positivo. Parma, Cagliari e Cesena, impegnate rispettivamente con Sampdoria, Udinese e Torino, dicono addio definitivamente la massima serie, con la speranza di poterci ritornare il prima possibile. Concludono il programma di questa stagione Fiorentina-Chievo e Sassuolo-Genoa.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo