venerdì 20 aprile 2018 02:43
default-logo

Motta San Giovanni. In ricordo di Francesca Brigante una stele sul Lungomare di Lazzaro

Motta San Giovanni (Reggio Calabria). Una scultura in pietra dello Stilaro è stata scoperta domenica mattina sul lungomare Cicerone. Così la famiglia, gli amici e la comunità mottese ricordano Francesca Brigante, giovane avvocato nonché amante del mare e sub, scomparsa la scorsa estate. Un momento emozionante vissuto dall’intera comunità che conosceva e amava Francesca. Presenti non solo parenti e amici ma anche autorità e tanti cittadini, tutti accomunati dall’amore verso l’ambiente e il mare che caratterizzava la giovane sub.
Un’iniziativa accolta sin dal primo istante dall’Amministrazione di Motta San Giovanni e resa possibile dal voto unanime del Consiglio Comunale che, lo scorso 2 aprile, con l’approvazione della delibera n. 10/2015, ha recepito la richiesta degli amici di Francesca. Molto provati i genitori che con immensa gratitudine hanno salutato il sindaco e gli amministratori presenti. Numerose le attestazioni di stima da parte degli amici di Francesca, di seguito se ne riportano alcune presenti su facebook nel post dedicato all’inaugurazione della stele: «Omaggio ad una grande subacquea, naturalista, prematuramente scomparsa. Ai suoi amici SUB lascia un grande insegnamento: il rispetto del mare.» e ancora «Il Cuore di Francesca sarà sempre con noi in tutte le immersioni che faremo, perché non si potrà mai dimenticare una persona dolce, buona, che non ha mai giudicato né parlato male di nessuno». È sempre difficile accettare la scomparsa di una persona cara, specie quando questa avviene prematuramente.
Visibilmente emozionato anche il sindaco, Paolo Laganà, che nel ricordare l’avv. Brigante commenta così: «Dietro di noi quelle acque che l’accolsero per tanti anni e dove scendendo giù Francesca portava il pane ai pesci dello splendido mare di Lazzaro. Una stele per una donna che, pur non risiedendo nel nostro Comune, ha sempre dimostrato un forte attaccamento ai nostri luoghi e al nostro immenso patrimonio naturalistico».

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo