venerdì 20 aprile 2018 05:19
default-logo

Ottanta anni della Chiesa di San Giorgio, venerdì l’incontro “Cinema e perdono”

Reggio Calabria. In occasione dei festeggiamenti per l’80 anniversario dell’inaugurazione della Chiesa di San Giorgio al Corso – Tempio della Vittoria, la parrocchia San Giorgio al corso e il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, venerdì 19 giugno 2015, alle ore 18.00, nel salone della Chiesa promuoveranno l’incontro “Cinema e perdono”. Sarà proiettato il film “Il cuore dell’assassino” diretto da Catherine McGilvray. Dopo i saluti della dott.ssa Patrizia Nardi, assessore alla cultura del comune di Reggio Calabria, di don Antonio Santoro, Sacerdote della Chiesa di San Giorgio al Corso e di Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria, commenterà il film Annalisa Saccà, Professore di lingua e letteratura italiana alla St. John’s University di New York, fondatrice del Centro per lo sviluppo globale e Direttore del Master sullo Sviluppo Globale e Giustizia Sociale. La Saccà rappresenta la Santa Sede all’Onu nel comitato Cedaw (Eliminazione della discriminazione contro la donna) e nel Comitato Csw (Comitato sullo stato delle donne nel mondo). È il mistero del perdono il centro di questo film, che racconta la storia di Samundar Singh, giovane fanatico indù che nel 1995 accoltellò per 54 volte suor Rani Maria, missionaria francescana originaria del Kerala, e la abbandonò sul ciglio della strada, condannandola ad una morte lentissima nella solitudine più completa. Condannato all’ergastolo, Samundar viene perdonato dalla famiglia di Rani, che non solo chiede (e ottiene) per lui la grazia, ma arriva ad accoglierlo come un figlio e come un fratello. In anteprima alla ricorrenza del Giubileo Straordinario della misericordia e del Perdono indetto da Papa Francesco dall’8 dicembre 2015 al 20 novembre 2016, questo film vuole sottolineare come il perdono inizia sempre, usando le parole del pontefice, come un cammino verso una conversione spirituale non solo di chi è perdonato ma anche di chi perdona.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo