giovedì 19 aprile 2018 13:45
default-logo

Bovalino. Carabinieri arrestano due cugini: sorpresi a coltivare vasta piantagione di canapa

Bovalino (Reggio Calabria). Alle prime luci dell’alba di ieri, a Bovalino, i Carabinieri della locale Stazione e dello Squadrone Eliportato Cacciatori d’Aspromonte di stanza in Vibo Valentia hanno tratto in arresto S.M. e D.M., rispettivamente, di 18 e 19 anni, entrambi del luogo, colti nella flagranza di reato di coltivazione e produzione di canapa indiana.
I due cugini sono stati sorpresi dai militari dell’Arma mentre erano intenti a coltivare una piantagione, composta da 635 floride piante di cannabis indica, alte dai 90 cm. a 1 mt. e 40 cm. (si tratta della specie definita “olandese”, che, ancorché “nana”, è particolarmente florida – sviluppa ramificazioni e fogliame bassi – e facilmente occultabile dall’osservazione a mezzo elicottero dall’alto per via delle ridotte dimensioni in altezza), che si estendeva su un terreno, intestato a un’anziana residente a Reggio Calabria, ben nascosta dalla fitta vegetazione circostante in località Borcello.
Per l’irrigazione era stato realizzato un apposito impianto, con l’utilizzo di serbatoi e tubi per la distribuzione dell’acqua. A seguito dell’occorso, i Carabinieri hanno estirpato la vasta piantagione e bruciato tutte le piante in quello stesso luogo, tranne 10, che – previo campionamento – sono state sequestrate per effettuare le analisi di laboratorio necessarie a individuare il principio attivo dello stupefacente in esse contenuto. Tale valutazione sarà importante sia per determinare se ricorrano i presupposti per far scattare le specifiche aggravanti previste dalla normativa antidroga, sia per determinare il valore della marijuana quando immessa sul mercato dopo l’essiccazione (al momento, stimato – al ribasso – in almeno 700 mila euro).
Al termine delle formalità di rito e dopo aver effettuato il previsto foto-segnalamento e i rilievi dattiloscopici, i due cugini sono stati condotti, su disposizione del Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Locri, Vincenzo Toscano, presso la Casa Circondariale di Locri.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo