domenica 22 aprile 2018 10:41
default-logo
Corte di Appello Reggio Calabria

Processo Falsa Politica. Confermata in Appello condanna per ex assessore provinciale Rocco Agrippo, 2 assolti

Reggio Calabria. La Corte d’Appello di Reggio Calabria, Russo presidente, Di Rienzo e Laudadio a latere, ha confermato 4 condanne e assolto due imputati nel processo scaturito dall’operazione “Falsa Politica”. Si tratta dell’indagine condotta dalla Squadra Mobile e coordinata dal pm della DDA di Reggio Calabria, Antonio De Bernardo, scattata all’alba del 21 maggio 2012 con l’arresto di 15 individui, secondo l’accusa presunti appartenenti alla potente ‘ndrina Commisso, operante nella fascia jonica della provincia di Reggio Calabria ed, in particolare, nel “Locale” di Siderno divenuto, negli ultimi anni, il fulcro di importanti interessi. L’accusa era a vario titolo di associazione per delinquere di stampo mafioso.
Accogliendo in parte le richieste del pg Giuseppe Adornato, che aveva invocato per tutti e sei gli imputati, la conferma delle condanne inflitte in primo grado nel novembre 2013 dal gup Antonino Laganà nel processo celebrato con rito abbreviato, la Corte d’Appello ha confermato quattro condanne: a 7 anni e 6 mesi di reclusione per l’ex consigliere provinciale di Reggio Calabria Rocco Agrippo; a 7 anni per Salvatore Commisso; a 6 anni per l’ex consigliere comunale di Siderno Giuseppe Tavernese e per Cosimo Figliomeni.
Assolti da ogni accusa Pietro Futia e Pasquale Romanello, entrambi condannati in primo grado a 6 anni di reclusione.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo