sabato 21 aprile 2018 15:05
default-logo

Reggio Non Tace chiede la convocazione della conferenza annuale di bilancio 2015

Reggio Calabria. Di seguito la richiesta di convocazione della conferenza annuale di bilancio 2015 indirizzata dal Movimento Reggio Non Tace al Sindaco della Città di Reggio Calabria, al presidente del Consiglio Comunale e all’Assessore al Bilancio del Comune di Reggio Calabria:

Il Movimento Reggio Non Tace ha posto tra i suoi obiettivi prioritari, sin dall’inizio del suo percorso, l’attivazione di azioni finalizzate alla sensibilizzazione dei Cittadini al bene comune, ritenendole strumenti incisivi nella lotta alla ndrangheta.
E’ per questo che dal 2011 chiedemmo – prima al Sindaco f.f. Giuseppe Raffa, poi al Sindaco eletto Demetrio Arena e, infine, alla terna commissariale subentrata – estrema chiarezza sul bilancio, nonché l’attuazione degli strumenti partecipativi previsti dallo Statuto Comunale.
In particolare chiedemmo la convocazione della Conferenza programmatica annuale sul bilancio preventivo, di cui all’art. 13 dello Statuto Comunale e all’art. 13 del Regolamento Comunale sull’attuazione degli strumenti partecipativi.
E’ risaputo come sia andata: nessuna risposta alle richieste di attuazione degli strumenti partecipativi da parte dell’amministrazione comunale dell’epoca, ricorso al TAR promosso da Reggio Non Tace avverso la decisione del Sindaco di non convocare l’assemblea pubblica richiesta ai sensi dell’art. 20 dello Statuto Comunale da quasi 1.000 Cittadini reggini, condanna del Comune ad indire l’Assemblea pubblica, convocata e presieduta dal Coordinatore della triade commissariale Prefetto Dott. Panico nella bellissima serata del 11 gennaio 2013.
Da allora però il processo di coinvolgimento della cittadinanza alla gestione della cosa pubblica sembra essersi interrotto.
Oggi, dopo 8 mesi dall’insediamento del nuovo Consiglio comunale, il Movimento Reggio Non Tace auspica che un altro percorso sia finalmente avviato. Un percorso di partecipazione e di condivisione, ma anche di puntuale attuazione delle regole, strada maestra per liberare Reggio dal giogo della criminalità mafiosa.
Per questo riteniamo fondamentale e Vi chiediamo con forza la convocazione della Conferenza annuale relativa al bilancio preventivo 2015, ai sensi dei citati articoli 13 dello Statuto e del Regolamento comunale sugli strumenti partecipativi.
Comprendiamo bene quali possano essere le difficoltà ereditate dall’attuale Amministrazione comunale. Le abbiamo appena avvertite nelle nostre tasche con i pagamenti dei primi acconti delle tasse comunali previste per l’anno in corso. Sappiamo altresì che il percorso ideale – ben definito dal Regolamento comunale – prevede l’attuazione preliminare di altri strumenti partecipativi quali l’albo delle associazioni e le consulte.
Ma siamo certi che non sia più possibile rinviare l’inizio di tale percorso: come più volte – inutilmente – detto ai Vostri predecessori, la condivisione delle scelte rende gli amministratori ancor più forti e liberi rispetto alle pressioni di chicchessia, consentendo di comunicare meglio ai Cittadini le scelte pubbliche, e – nel contempo – non potrà che contribuire alla formazione di un maggior senso civico dei Reggini.
Fiduciosi nella Vs sensibilità, disponibili ad una fattiva collaborazione del Movimento Reggio Non Tace – se ritenuta utile – attendiamo cortese riscontro.

Il Coordinamento del Movimento “Reggio Non Tace”

Nel video, realizzato da Gianluca Del Gaiso, parla Giuseppe Licordari

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo