venerdì 27 aprile 2018 03:05
default-logo

“Tracce di Magna Grecia”, un percorso turistico sull’antichità classica

Reggio Calabria. Il Centro Storico diventa un percorso turistico che collega 10 beni culturali dell’antichità classica. Sabato 11 luglio ore 9.00 – 12.00; ore 17.00 – 20.00.

La piantina con il percorso contiene una breve descrizione dei siti, in italiano e inglese. Sarà possibile scaricarla da diversi siti culturali e/o turistici cittadini.
Un percorso culturale innovativo a misura di:
Bambini – Per loro una grafica amicale con due guide, Paulus e Stephanus, (la versione a fumetti delle statue di San Paolo e di Santo Stefano collocate sulla scalinata della Basilica Cattedrale) segnalerà i siti.
Giovani e Adulti – Ogni sito avrà un QRCode utile per leggere approfondimenti in italiano e in inglese.
Un’attenzione particolare per ipo/non vedenti con un file audio inserito nel QRCode, in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi di Reggio Calabria.
Il Progetto Tracce di Magna Grecia sarà raccontato con filmati, testi digitalizzati e banche dati interrogabili e visibili nelle postazione multimediali presso il Museo Archeologico della Magna Grecia, la Biblioteca Comunale “De Nava”, Piazza San Giorgio e presso il cortile della Curia Arcivescovile.

Cantiere culturale
Sala “Mons. Ferro”, Via T. Campanella 63 Reggio Calabria

L’Archivio storico diocesano e la Biblioteca arcivescovile “Mons. Lanza” aprono al pubblico i loro Istituti esponendo antiche pergamene, carte d’archivio del Fondo Cattolica dei Greci e preziosi libri e periodici antichi e rari.
Memoria del ‘900 La digitalizzazione come strumento per fare cultura attraverso la memoria di persone e fatti che sono la storia locale del Novecento. Immagini e testi raccontano il meridionalista Umberto Zanotti Bianco – a cura dello staff della Biblioteca Comunale – e alcune importanti realtà associative come l’AGESCI attraverso il suo Centro Studi regionale “Don Lembo”, le sezioni provinciali di Reggio Calabria del Centro Italiano Femminile(CIF) e del Club Alpino Italiano(CAI)
Tracce di cultura La rivista Klearcos degli Amici del Museo Archeologico di Reggio Calabria digitalizzata e acquistabile online
Baratto di Tracce La Biblioteca Arcivescovile “Mons. Lanza” – come una volta le biblioteche itineranti – offre la possibilità di scambiare libri su Reggio Calabria, sull’antichità classica e sulla religione. Lo scambio sarà possibile se i libri sono in buono stato e non scolastici
Cultura ed Economia – Insieme per promuovere le Tracce
Una sperimentazione del distretto culturale è stato il coinvolgimento di:
**** Albanuova Hotel, Birri Basta, Ciroma, Slow Grill, Spaccanapoli, Libreria Nuova AVE, Libreria Paoline, Libreria per bambini Il Cantafiabe, Gioielleria Oro, Argento e Mirra, emporio A. Pastore e Pizzimenti Specialità tipiche calabresi che promuovono l’evento con i loro prodotti legati al territorio, con vetrine dedicate al tema della Magna Grecia, con Menù a km 0 dai nomi mitologici e un’attenzione particolare al portafoglio.

Questo è l’evento conclusivo del progetto “Tracce di Magna Grecia” finanziato nell’ambito del POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE VIII CITTÀ – P.I.S.U. Città di Reggio Calabria – SETTORE RISORSE EUROPEE E NAZIONALI che ha visto come ente capofila la Fondazione “Avvenire di Calabria” e come partner la Biblioteca diocesana arcivescovile “Mons. Antonio Lanza”, l’Archivio storico diocesano e il Centro Italiano Femminile con il suo Archivio storico presso la sede provinciale.
Il progetto si è proposto di arricchire e qualificare l’offerta culturale della Città metropolitana in quanto Distretto Culturale Innovativo costruendo una rete reale e digitale per “fare cultura”, con modalità innovative, sviluppando processi culturali di valorizzazione integrati di area e un sistema informativo comunale sull’arte e la cultura.

Alcune delle attività realizzate
Biblioteca diocesana “Lanza”: Sono stati catalogati 5000 pubblicazioni di autori classici latini e greci .e si è proceduto alla digitalizzazione della rivista KLEARCOS.
Biblioteca Comunale “De Nava”: Sono stati catalogati 800 volumi di autori classici latini e greci del patrimonio librario antico ed è stato allestito un laboratorio di restauro del libro antico ”Oficina librorum”.
In entrambi i casi i dati sono stati riversati sul Sistema Bibliotecario Regionale (SBR) e sul Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN), consentendo a studiosi e cultori della materia di richiederne la consultazione e il prestito interbibliotecario.
Archivio diocesano: Sono stati riordinati e inventariati i 5.000 documenti del fondo Parrocchia “Cattolica dei Greci” (1594-1974), che poi sono stati digitalizzati.
Sono stati realizzati due stage formativi sul “restauro del libro antico”: presso il laboratorio Scripta Manent di Reggio Calabria.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo