sabato 21 aprile 2018 07:56
default-logo
Dalila Nesci

Sanità. Nesci (M5S) chiede revoca del decreto sui budget del 2015 per cliniche private

Reggio Calabria. «Se non ritengano opportuno revocare il Dca n. 80/2015 tramite il commissario per l’attuazione del piano di rientro della Regione Calabria». È quanto chiesto dalla parlamentare M5s Dalila Nesci in un’interrogazione rivolta al presidente del Consiglio e ai ministri di Salute ed Economia, in merito al decreto del commissario Scura sul budget 2015 per le cliniche private.
«Il decreto – spiega la parlamentare – è frutto di un metodo non condivisibile. Le singole Asp sono state calpestate, pur avendo un avendo ruolo determinante, nello specifico, circa l’assegnazione dei fondi per le strutture private. Il fatto è molto grave. Rivela una copertura politica del governo e una sorta di affinità elettiva dello stesso dipartimento regionale per la tutela della salute». Nesci conclude: «Oltre al caso in argomento, c’è un problema politico enorme. Scura e il suo vice Urbani stanno mostrando una sistematica mancanza di concertazione, passando sopra all’amministrazione della sanità calabrese. Il piano di rientro, ha ribadito il Movimento 5 stelle, è una iattura, perché la riorganizzazione dei servizi sta avvenendo a danno dei pazienti e degli operatori, secondo il solito paradigma del potere centrale, per cui la Calabria deve essere sempre ultima e serva».

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo