lunedì 23 aprile 2018 16:51
default-logo

Blefaroplastica: come eliminare le rughe e le borse intorno all’occhio per farsi ringiovanire lo sguardo, chiedi all’esperto

La Blefaroplastica è l’intervento di chirurgia estetica che serve ad eliminare le rughe e le borse che si formano intorno all’occhio con il passare degli anni 
Nell’intervento di Blefaroplastica classico si rimuovono la cute, il muscolo eccedente e le borse di grasso, anche se il procedimento di blefaroplastica può essere realizzato unicamente per eliminare la pelle eccedente o solo per asportare le borse, secondo le necessità.
 L’intervento di blefaroplastica viene anche eseguito per correggere la blefaroptosi nell’anziano e per la correzione di occhi con solchi palpebrali mal definiti o asimmetrici.
La Blefaroplastica dura circa 20 minuti per ogni palpebra. Preferiamo utilizzare l’anestesia locale pura per la blefaroplastica, eventualmente associata a sedazione endovenosa, in ambedue i casi sempre in presenza dell’anestesista.

Anatomia delle Palpebre
Per capire meglio l’intervento di blefaroplastica si può dare un’occhiata all’anatomia di questa regione: il globo oculare è parzialmente ricoperto da due strutture paragonabili a tendine, che sono le palpebre, situate sopra e sotto l’occhio e che con il proprio battito contribuiscono a mantenere l’occhio umido evitando secchezza e irritazione. Le palpebre inoltre agiscono come meccanismo di difesa, mediante la chiusura forzata, contro aggressioni esterne ambientali e meccaniche.
 Ognuna delle due palpebre (superiore e inferiore) è formata dalla pelle, quindi più profondamente al di sotto di un sottilissimo sottocute, dal muscolo orbicolare che circonda perifericamente l’occhio e dal setto orbitale, che è una membrana sottile, attaccata intorno al bordo osseo dell’orbita, che forma un compartimento, profondamente al quale sono situate le borse, formate da grasso, che appaiono sotto la pelle durante l’invecchiamento

L’invecchiamento delle palpebre

​
Durante il processo di invecchiamento tutte le strutture subiscono un indebolimento generalizzato: la pelle delle palpebre superiori si rilassa formando una antiestetica piega cutanea, che in casi estremi arriva a limitare il campo visivo sporgendo dall’alto, coprendo parte del globo oculare e pesando sulla palpebra, contribuisce a socchiudere l’occhio.
 Anche la pelle delle palpebre inferiori, sotto gli occhi, diventa “grinzosa” e quasi sempre si rendono evidenti quei rigonfiamenti sotto la pelle, noti a tutti come “borse”
. Eppure le palpebre superiori cadenti sono presenti, costituzionalmente, così come le rughe sotto gli occhi, in alcune persone già all’età di 18-20 anni, tuttavia questi pazienti non presentano l’occhio di una persona anziana.
 Il concetto, che la blefaroplastica significhi togliere di routine le borse di grasso e la pelle eccedente, non trova più conferme già da molto tempo.
 Secondo concetti moderni non è la presenza delle rughe sotto gli occhi che produce l’aspetto invecchiato, ma la direzione che esse assumono. 
Tali rughe presenti a volte anche in giovane età per motivi costituzionali, presentano una direzione orizzontale durante le espressioni del viso e con l’invecchiamento, iniziano ad assumere una direzione obliqua in basso e in fuori. Sono questi i primi segni di una perdita di trofismo e di struttura delle palpebre legati all’invecchiamento fisiologico, che portano i pazienti a richiedere una consulenza specialistica per effettuare una blefaroplastica. 
L’assenza di borse inoltre non è certo sinonimo di occhio giovane, anzi molto spesso i pazienti si rivolgono al chirurgo per problemi legati ad uno svuotamento delle palpebre accompagnato dall’accentuazione delle sporgenze dei bordi orbitari, che producono quel gioco d’ombre intorno alle palpebre noto come occhiaie.

​L’intervento chirurgico
L’intervento di blefaroplastica è al giorno d’oggi un intervento ambulatoriale, che si può realizzare in anestesia locale pura senza problemi o fastidi. 
In pratica da un punto di vista tecnico eseguiamo la blefaroplastica in strutture adeguate come la clinica o il Day Hospital, in anestesia locale pura (con monitorizzazione e accompagnamento dell’anestesista), in “regime ambulatoriale”.

Dr. Bruno Falcomatà

Dr. Bruno Falcomatà

Dr. Bruno Falcomatà
Medico Chirurgo
Specialista in Geriatria
Diploma di master in chirurgia plastica
ed estetica del distretto facciale
[email protected]

 

 Chiedi all’esperto

Il dr. Falcomatà è disponibile a rispondere alle domande dei lettori che perverranno al suo indirizzo email [email protected] *.

* Nel rispetto della legge sulla privacy le email dei lettori saranno cancellate subito dopo la loro lettura, nessun dato personale sarà mantenuto in archivio né dal dr. Falcomatà né da Newz.it, le domande più interessanti saranno pubblicate nella rubrica garantendo al mittente il più assoluto anonimato, anche in presenza di lettere firmate i nomi dei lettori saranno omessi.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo