giovedì 26 aprile 2018 18:58
default-logo

Musica. Al “Polimeni” successo per la replica del concerto “Le ammalianti vie della musica” dell’Istituto Carducci-Da Feltre

Reggio Calabria. Grande successo per la replica del concerto “Le ammalianti vie della musica” dell’Istituto Comprensivo “Carducci – V. Da Feltre“ di Reggio Calabria, che si è svolto presso il Circolo del Tennis “Rocco Polimeni”. Lo spettacolo, fortemente voluto dal Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “Carducci – V. Da Feltre”, Rina Pasqualina Manganaro, era già andato in scena al Teatro comunale “Francesco Cilea” come cerimonia conclusiva del laboratorio musicale, nel corso del quale, durante l’intero anno scolastico, i giovani studenti del Carducci – V. Da Feltre, guidati dai docenti, si sono avvicinati allo studio degli strumenti, accrescendo la loro conoscenza musicale e componendo, alla fine dei corsi, una orchestra al completo. Ad arricchire la serata, oltre all’orchestra dei giovani musicisti dell’Istituto Carducci – V. Da Feltre, dell’Istituto Catanoso – De Gasperi, dell’orchestra del liceo musicale di Cinquefrondi e degli allievi del Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria, le danze della società ginnastica Virtus Reggio e l’esibizione del coro del Carducci – V. Da Feltre sulle note dell’Inno di Mameli, dell’Inno alla Gioia e l’Inno personalizzato della scuola. Un brano inedito, pensato proprio per l’Istituto reggino e realizzato musicalmente dalla prof.ssa Aida Temerario, dal M° Giampiero Locatelli su testo di Annalisa Locatelli. Le note degli studenti sono state accompagnate dalle melodie del violinista Fulvio Puccinelli, del percussionista Giuseppe Spanò, del pianista Giampiero Locatelli e del mezzo soprano e direttore artistico del concerto Gabriella Grassi, in un’atmosfera di incanto che ha scortato la serata fino al termine. Tra un’esibizione e l’altra, ad alleggerire i momenti con la loro comicità, gli artisti reggini Giacomo Battaglia e Pasquale Caprì. Hanno presentato la serata Eva Giumbo e Giuseppe Livoti.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo