domenica 22 aprile 2018 14:01
default-logo
Direzione investigativa antimafia

Napoli. Le mani di camorra e cosa nostra nell’ortofrutta: 20 arresti della Dia e un sequestro da 100 milioni di euro

Napoli. Il Centro Operativo Dia di Roma, coadiuvato dalle Articolazioni Dia. di Napoli, Salerno, Palermo, Caltanissetta, Catania e Bologna sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Dda, nei confronti di 20 soggetti, ritenuti responsabili dei reati di associazione mafiosa, illecita concorrenza con minaccia o violenza, estorsione ed altro. L’operazione, che prende spunto dalle precedenti “Sud Pontino” e “Store” già condotte da questa Direzione Investigativa Antimafia, ha svelato la gestione monopolistica, operata dai “clan” Casalesi e Mallardo con quelli appartenenti a “cosa nostra” catanese, negli approvvigionamenti di prodotti ortofrutticoli e nell’imposizione dei connessi servizi di trasporto da e per i maggiori mercati del centro e del Sud Italia. Si stanno, altresì, eseguendo diverse perquisizioni e un decreto di sequestro preventivo riguardante compendi aziendali di dieci società di trasporto per un valore di circa 100 milioni di euro. Maggiori dettagli saranno forniti nella conferenza stampa che si terrà alle ore 11,00 odierne presso la Procura del Tribunale di Napoli, alla presenza del Procuratore Aggiunto Giuseppe Borrelli.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo