venerdì 20 aprile 2018 01:29
default-logo

Marina di San Lorenzo. Guardia Costiera sequestra chiosco abusivo sul lungomare

Marina di San Lorenzo (Reggio Calabria). Personale della Delegazione di Spiaggia – Guardia Costiera – di Melito Porto Salvo impegnato nell’operazione nazionale del Corpo delle Capitanerie, coordinata dalla Direzione Marittima di Reggio Calabria congiuntamente a personale della polizia municipale di Marina di San Lorenzo impegnato nel controllo del territorio, ha denunciato alla Procura della Repubblica di Reggio Calabria il titolare di una nota struttura turistico ricettiva ubicata sul lungomare di Marina di San Lorenzo per violazioni di natura demaniale e paesaggistica ambientale. I militari durante l’accertamento hanno constatato che G.C., di 71 anni, occupava abusivamente, senza alcun titolo autorizzativo, un’area demaniale marittima di circa 670 mq mediante il mantenimento su di essa di alcune opere/strutture/attrezzature che sono state poste sotto sequestro preventivo urgente:
– un prefabbricato in legno adibito a chiosco per la vendita di gelati e bevande di mq. 16,00;
– una postazione doccia pavimentata;
130 mq di area demaniale marittima occupata abusivamente a mezzo di pavimentazione di mattoni in cls autobloccanti che formano una platea asservita al prefabbricato in legno;
– una scalinata ed una pedana di camminamento in mattoni autobloccanti;
– Un’area demaniale marittima adiacente alla battigia di circa mq. 520,00, sulla quale erano stati posizionati 39 paletti di plastica con basamento in calcestruzzo da utilizzare come sostegno per i 39 ombrelloni inseriti negli stessi paletti e 60 sdraio da mare.
Su disposizione del magistrato di turno Sostituto Procuratore  Teodoro Catananti l’area di circa 520 mq occupata abusivamente tramite la posa di sedie sdraio ed ombrelloni, un vero e proprio stabilimento balneare abusivo, è stata fatta sgomberare da tutte le attrezzature al fine di renderla nuovamente spiaggia libera.
L’autore dei fatti è stato compiutamente identificato e denunciato alla locale Autorità Giudiziaria, era stato già deferito negli anni scorsi per similari violazioni a danno del demanio marittimo. Le attività di polizia giudiziaria sono state convalidate dal Giudice per le indagini preliminari  Domenico Santoro giusta richiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria. Le opere-strutture-attrezzature poste sotto sequestro sono state affidate in custodia giudiziale senza facoltà d’uso all’indagato. Le attività di monitoraggio e di controllo disposte e coordinate dalla Direzione Marittima proseguiranno senza soste al fine di garantire il corretto utilizzo del demanio marittimo da parte di tutti gli utenti del mare.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo