giovedì 19 aprile 2018 19:37
default-logo

La cravatta del presidente Mario Oliverio

Reggio Calabria. La cravatta c’è ma non si vede. All’articolo 10, rubricato come “limitazioni”, del disciplinare per l’accesso durante i lavori dell’Assemblea consiliare del Consiglio regionale della Calabria, comma 2, è stabilito che: “Non è consentito l’ingresso a persone abbigliate in modo non decoroso e, comunque, non confacente al luogo. Per gli uomini è obbligatorio indossare giacca e cravatta”. E così anche oggi, 31 agosto 2015, con oltre 30 gradi all’esterno, dentro l’aula del Consiglio regionale, tutti indossano giacca e cravatta. I consiglieri regionali, i giornalisti, il pubblico, i commessi. Qualcuno magari sotto il nodo della cravatta sbottona l’ultimo odioso bottone della camicia, quello che stringe sempre al collo. Tutti tranne l’uomo solo al comando. Il presidente Mario Oliverio in aula sfoggia un completo blu, con una camicia indossata senza cravatta. Anche il caldo, in Calabria, non è uguale per tutti.

Fabio Papalia

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo