domenica 22 aprile 2018 10:44
default-logo

Debiti Asp. Presentato il piano di rientro, la soddisfazione di Confindustria Reggio

Reggio Calabria.  Il vicepresidente vicario e responsabile del settore Sanità di Confindustria Reggio Calabria, Valerio Berti, esprime soddisfazione per il piano di pagamento dei debiti dell’Asp, presentato dal commissario straordinario dell’azienda, Santo Gioffrè. «Si tratta di un momento estremamente positivo, che si realizza grazie all’impegno profuso dal massimo dirigente dell’Asp che ha dimostrato una grande apertura e capacità di ascolto nei confronti del tessuto imprenditoriale locale. Gioffrè, agendo sempre nel rispetto del principio di legalità e dell’interesse pubblico, ha condiviso assieme a Confindustria Reggio Calabria un percorso che consentirà di dare una boccata d’ossigeno a tante aziende del territorio, al tempo stesso innescando un circuito virtuoso a favore delle casse pubbliche. L’Asp – ha aggiunto Berti – non continuerà a indebitarsi senza misura e senza criterio, ma salvaguarderà i suoi equilibri di cassa; immetterà nei circuiti finanziari cittadini svariate decine di milioni di euro, che avranno ricadute concrete sull’economia locale, ed eviterà il rischio di una paralisi dell’attività corrente». Per Valerio Berti, «Santo Gioffrè ha saputo agire con il coraggio e la risolutezza richiesta a un manager che non ha mai perso di vista la sua mission di uomo pubblico. In questo modo si andrà sgonfiando la ingente mole di contenzioso già esistente, che spesso ha portato a situazioni di inerzia cui i giudici amministrativi hanno sopperito nominando centinaia di commissari ad acta, in una degenerazione dei rapporti giuridici che era ormai patologica e non più fisiologica. Con questa delibera – conclude il vicepresidente vicario di Confindustria – si lancia anche un forte segnale di legalità, a fronte di alcune inspiegabili situazioni come quelle dei doppi pagamenti su cui noi industriali Associazione Provinciale degli Industriali Reggio Calabria abbiamo chiesto di vederci chiaro, mediante la richiesta di accesso agli atti che abbiamo presentato sia sulla tesoreria dell’ente che sull’operato dell’advisor Kpmg».

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo