mercoledì 25 aprile 2018 06:53
default-logo

Prete arrestato per prostituzione minorile: si è spacciato anche per Carabiniere

Reggio Calabria. Saverio, Nicola, Nico, un informatore scientifico, un professore di educazione fisica, perfino un Carabiniere. Sono i falsi nomi e le false qualità che si sarebbe attribuito il sacerdote arrestato ieri dalla Squadra Mobile per prostituzione minorile. L’uomo, 44enne, è accusato anche del reato di sostituzione di persona. Sia su Whatsapp che su Badoo e Facebook o su Grinder e PlanetRomeo, due app per smartphone che consentono agli omosessuali di mettersi in contatto tra loro, il sacerdote si sarebbe “spogliato” dell’abito talare, e del proprio vero nome, per assumere il nickname di “Saverio”, “Nicola G.” e l’abbreviativo “Nico”; ma non solo, ad alcuni minori con cui avrebbe avuto rapporti sessuali, si sarebbe presentato sotto mentite spoglie, dicendo di essere di volta in volta un informatore scientifico, un professore di educazione fisica, e almeno in un caso perfino un Carabiniere, confermando con ciò il noto proverbio: l’abito non fa il monaco.

Fabio Papalia

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo